A Ornella Muti il premio Eleonora Duse 2009

Intervista e foto dell'attrice mentre a Chioggia gira la serie "Soko 5113"

Giovedì 15 ottobre presso la sede municipale della Città di Chioggia è stato consegnato il premio “Eleonora Duse” all’attrice italiana Ornella Muti.
Dal 21 settembre l’intero cast della serie SOKO 5113 è presente nel terriotorio chioggiotto per girare l’ultima parte della serie prodotta dalla UFA di Monaco di Baviera.
Presenti alla cerimonia di premiazione anche gli attori Arthur Bauer, Theo Renner, Katharina, Gerd Silberbauer.
Il sindaco Romano Tiozzo ha consegnato il premio “Eleonora Duse” alla Muti, un riconoscimento molto importante che viene consegnato ogni anno nel mese di ottobre.

NSC: Felice di questo premio?

Ornella Muti: Contentissima, so che rappresenta qualcosa di molto importante e che lo scorso anno è stato consegnato ad Anna Strasberg.
Ammiro molto la Duse, un grande talento che ispira ancor oggi.

NSC: Come si è trovata nel territorio chioggiotto?

Ornella Muti: Mi ha colpito fin a subito, l’isola è bellissima, sembra una piccola Venezia e la gente è calorosa e cordiale.
Stamattina sono andata al mercato, sono stata colpita dalla tantissima gente che lo frequenta.

NSC: Cosa ci dice della serie TV che sta girando?

Ornella Muti: Una grande esperienza, un cast molto affiatato e un’avventura stupenda che mi ha portato fino a Chioggia.

NSC: Qual è il segreto del suo successo?

Ornella Muti: Ho lavorato moltissimo negli anni senza risparmiarmi.
Non mi sono mai fermata un momento.

NSC: Che consiglio darebbe a un giovane che volesse intraprendere la sua carriera?

Ornella Muti: Di studiare tanto, di non cercare scorciatoie e di fare gavetta, ti fa maturare e crescere.

NSC: Cosa l’ha spinta a fare l’attrice?

Ornella Muti: Ho fatto l’attrice per caso, penso che alcune cose siano già scritte nel nostro destino.

NSC: Qual è stato il momento o il film più bello della sua carriera?

Ornella Muti: Amo tutte le scelte cinematografiche che ho fatto, più che film ho fatto degli incontri stupendi, Troisi, Ferreri, persone che mi hanno insegnato molto e che mi hanno dato molto.
Quando si gira un film per molto tempo e per tante ore al giorno si sta assieme alle persone, si convive e si condividono molte cose.
La fine di un film per me è un processo di crescita interiore.

NSC: Ci sono dei film che le è dispiaciuto rinunciare?

Ornella Muti: Ho rinunciato a tanti film importanti, ma l’ho fatto solo per la mia famiglia.
Amo il mio lavoro, ma è l’amore dei miei cari che mi da energia per recitare.

NSC: Lei non ha mai fatto lunghe serie TV?

Ornella Muti: Cambio spesso idea, non riesco ad interpretare un personaggio a lungo.
Anche i contratti li firmo sempre all’ultimo minuto.

NSC: Che ne pensa della nuova generazione di attori molti dei quali provenienti dai reality show?

Ornella Muti: Non me la sento di giudicare, dico solo che è cambiato tutto.
Io mi sono preparata in modo diverso, se iniziassi ora forse non saprei da che parte cominciare.

Foto a cura di Romina Greggio Copyright © Romina Greggio – NonSoloCinema