“ASCOLTAMI” DI GIANCARLO TRAPANESE

Racconti di sentimenti

Sedici racconti che scavano tra le pieghe dei sentimenti. Amore, passione, paura, incertezza e il fascino dell’incompiuto nascosti tra le pagine scritte da Giancarlo Trapanese.

Un libro per ascoltare e per ascoltarsi. Per scoprire i sentimenti prima di tutto, anche quelli meno comuni, più scomodi forse. E poi anche per riflettere, partendo da situazioni, eventi, avventure particolari, non banali, ma tutto sommato vicine al lettore, comprensibili.

Ascoltami è il nuovo libro di Giancarlo Trapanese, vice caporedattore della sede Rai per le Marche e professore. Questa volta non un romanzo, ma una raccolta di racconti, sedici per l’esattezza, che egli stesso definisce “piccoli romanzi”.
Ognuno con la propria lunghezza, il proprio stile, i propri inquieti personaggi e uno o più sentimenti da far emergere.

Si parla, ad esempio, dell’amore incompiuto tra un uomo e una donna in Maria Marea, si intrecciano le emozioni alla politica in Amore collettivo e si ripercorre la storia di un padre (anzi, due) e una figlia in Un padre in più. Ancora, si guarda alla vita (La favola della vita), alla morte, alla vecchiaia e alla rassegnazione. Come pure si prendono in esame temi più complessi, quali la malattia, la prostituzione e l’omicidio.

Di certo, l’epilogo di ogni storia non è mai scontato. Anche l’amore che in apparenza sembra semplice, lineare, senza ombre, in realtà non lo è. Altrimenti non riuscirebbe a far nascere la riflessione su sé stessi e sul mondo che ci circonda.

Di nuovo in questo libro c’è, oltre alle storie, la scelta di Trapanese di accompagnare ogni racconto a una foto che, attraverso la sola forza dell’obiettivo, sia in grado di restituire al lettore l’atmosfera e il senso ultimo dei “piccoli romanzi” da lui pensati e scritti.

A realizzarle sono stati Paolo Monina e i suoi allievi: Angelica Muzzi, Diego Cafasi, Fabio Pelinga, Giovanni Trapanese, Marta Gramaccia, Roberta Giorgini e Rosalia Filippetti.

Immagini e parole, dunque, per “colmare almeno un po’ la nostalgia verso la parte più autentica di noi stessi”, come lo stesso scrittore spiega nell’introduzione al suo libro.

In libreria edito da Italic, per la collana “I Grandi”.

Giancarlo Trapanese, Ascoltami, Italic, 2010, pp. 253, € 18,00.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Red” di Robert Schwentke
Prossimo articoloEstate in Villa 2011
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.