Al Teatro Duse di Asolo Marta Cuscunà e il suo E’ bello vivere liberi!

“La biografia di Ondina, scritta dalla storica Anna Di Giannantonio, mi ha letteralmente entusiasmata, scossa, accesa. Ho incontrato una ragazza, poco più giovane di me, incapace di restare a guardare, cosciente e determinata ad agire per cambiare il proprio Paese”.
Così Marta Cuscunà racconta il suo incontro con Ondina Peteani, prima staffetta partigiana d’Italia, a cui si ispira il suo spettacolo E’ bello vivere liberi!
Lo spettacolo, in programma sabato 20 febbraio (ore 21.15) al Teatro Duse di Asolo, è il secondo appuntamento della stagione Centorizzonti, promossa dal Comune di Asolo e ideata dall’Associazione Echidna. Il programma propone anche un dopo-teatro, un momento d’incontro al di fuori degli spazi tra palco e platea, in cui pubblico e artisti possono offrirsi il piacere della convivialità. La produzione artigianale di Roberto Castagner, Mastro Distillatore, sarà protagonista della degustazione di sabato prossimo: si chiama Aqua 21 e unisce il meglio dei profumi tipici di un distillato d’uva al gusto di un grande vino.

Dopo aver incantato il pubblico dell’ultima maratona artistica D’Amore vero nel vero, la giovanissima autrice e interprete, friulana proprio come Ondina, torna in città per proporre la storia straordinaria di una ragazza di soli 17 anni. Il racconto, vincitore del Premio Scenario per Ustica 2009 riservato alle proposte più innovative del teatro civile, riscopre l’atmosfera vitale di quel periodo della nostra storia in cui tutto sembrava possibile. E lo fa attraverso differenti linguaggi espressivi, dal monologo civile alle testimonianze storiche fino al teatro di figura con burattini e pupazzi, portando a teatro il percorso dei partigiani e l’orrore della deportazione.
È bello vivere liberi! è l’ultima frase che Ondina scrive a poche settimane dalla morte, quando il medico dell’ospedale le chiede di scrivere, a occhi chiusi, la prima frase che le fosse venuta in mente. Il suo percorso inizia con le riunioni clandestine della scuola di comunismo dove, con straordinario anticipo, fioriscono anche i valori di emancipazione femminile e di parità tra uomo e donna. Attraversa gli anni del fascismo a Monfalcone, per affrontare le missioni più impensabili. La sua vicenda è stravolta bruscamente nel ’43, quando viene sprofondata nell’incubo della deportazione nazista. Ma è proprio in questo drammatico momento che Ondina ritrova con ostinata consapevolezza l’unica risposta possibile: Resistenza!

Dedicata a Del Coraggio del Teatro, l’VIII edizione di Centorizzonti prosegue il 10 aprile con M’AMA? Femmine un giorno e poi madri per sempre? con Nicoletta Maragno diretta da Massimo Somaglino, in maggio Alessandro Bergonzoni torna ad Asolo per presentare il suo nuovo lavoro.
Realizzato in collaborazione con Arteven, il patrocinio di Regione del Veneto e Provincia di Treviso, il progetto è sostenuto da Fondazione La Fornace dell’Innovazione, Credito Trevigiano BCC, Jolly Sgambaro, Acquavite Castagner, Fraccaro Dolciaria, Caffè Centrale, Dal Bello Vini.

I biglietti per lo spettacolo di Marta Cuscunà (15 euro intero, 13 euro ridotto) sono in vendita dal 17 al 20 febbraio presso la Biblioteca di Asolo e la sera dello spettacolo al Teatro Duse dalle 20 (prenotazioni telefoniche tel. 0423 951317). La formula A teatro in 2 under 21 consente di accedere con un unico biglietto di 15 euro valido per due persone al di sotto dei 21 anni, mentre con Primi alla Prima è possibile acquistare i biglietti in prevendita presso gli sportelli di Casse Rurali e Banche di Credito Cooperativo, grazie alla collaborazione sviluppata con il Credito Trevigiano .

Informazioni: ECHIDNA Associazione Culturale – tel.041. 412500 – www.echidnacultura.it
Biblioteca Comunale Asolo – tel 0423. 951317 – www.asolo.it