“Blackbeard. La vita e le avventure del famigerato pirata Barbanera” di Annamaria Lilla Mariotti

Un libro di Annamaria "Lilla" Mariotti

E’ in libreria il romanzo storico che racconta le avventure del celebre pirata Barbanera. Non c’è niente di più bello di abbandonare per un po’ il mondo reale per avventurarsi tra imbarcazioni e isole, tra bottini e battaglie. I pirati, si sa, suscitano da sempre un grande fascino nell’immaginario collettivo.

Annamaria “Lilla” Mariotti,scrittrice originaria di Camogli, ne ha scelto uno, di questi pirati, e lo ha raccontato nel suo libro edito da Magenes. Non uno qualunque, non uno dei tanti, bensì il più famoso di tutti: Barbanera o, come lo chiama lei, Blackbeard.

Il suo volume di recente uscita ne esplora la vita e le avventure, a metà tra la storia, il romanzo e la fantasia. Nato a Bristol intorno al 1860, Barbanera fu il più crudele (forse) e il più noto (questo è risaputo) pirata del mondo, temutissimo dai naviganti e amatissimo dalle donne. Sembra infatti che abbia avuto quattordici mogli, di cui una, l’ultima, amata più di ogni altra.

Quella della Mariotti è quindi non soltanto una storia di pirateria, di cannonate e ammutinamenti, di scontri a fuoco e impiccati, ma anche una storia di passione, di coraggio, di ironia, di sagacia. E di amore. A cominciare dal suo per Barbanera, questo incredibile personaggio storico ormai entrato nella leggenda, che scoprì per la prima volta un giorno di qualche anno fa approdando nell’isola di Ocracoke.

“Ho “incontrato” Blackbeard quando mi sono recata a Ocracoke alla ricerca di un faro – racconta l’autrice – Appena scesa dal traghetto ho subito notato una tavola di bronzo in cui si faceva riferimento alla morte del famigerato pirata, avvenuta proprio qui. In quel momento non mi sono messa a fare ricerche immediate, ma la cosa mi ha colpito nel profondo, scatenando la mia curiosità. Così, quando tempo dopo mi sono diretta in North Carolina, sono andata a visitare una delle case di Barbanera e ho contattato lo staff che si sta occupando di riportare alla luce reperti della Queen Anne’s Revenge. Da quel momento in poi, non sono più riuscita a staccarmi da questo incredibile personaggio”.

Per raccontarne la vita, densa di avventure, di incontri e di episodi affascinanti, Annamaria si è avvalsa di una corposa bibliografia, oltre a viaggiare in lungo e in largo per inseguire le stracce del pirata. Sembra infatti che Blackbeard abbia lasciato case (e forse figli) un po’ ovunque nel mondo. Sicuramente ha lasciato donne innamorate e tantissime leggende che, anno dopo anno, lo hanno reso un’icona. Gli stessi studiosi sono oggi attenti nel fare dichiarazioni su quanto concerne la sua vita e le sue gesta, dal momento che di Barbanera talmente tanto si è detto e si è immaginato, da far sì che ormai leggenda e verità, fantasia e storia risultino irrimediabilmente intrecciate.

Per Annamaria “Lilla” Mariotti l’esperienza di correre dietro a Blackbeard è stata comunque tanto coinvolgente da spingerla a scrivere ora un secondo libro avente come protagonisti i pirati.

“In questo caso ogni capitolo è dedicato ad un diverso pirata, in modo da lasciare spazio a tutti. Nel frattempo, è uscito a dicembre il mio nuovo libro collettivo I fari di Toscana (Debatte editore), realizzato in collaborazione con Antonello Marchese e Laura Jelmini. Mentre sarà pubblicato a primavera L’isola senza faro Tristan da Cunha che racconterà la storia di questa affascinante e poco nota isola dell’Oceano Atlantico”.

Annamaria “Lilla” Mariotti, “Blackbeard. La vita e le avventure del famigerato pirata Barbanera”, Magenes edizioni, 2011, pp. 191, 15 euro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIntervista a GIUA
Prossimo articolo“Give me a break!” a Palazzo Gnudi
Avatar
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.