Festival del Cinema Invisibile

Lecce 20-22 Settembre 2007

Nei giorni 20, 21 e 22 Settembre presso le sedi dell’Accademia di Belle Arti e dell’Associazione Culturale Fondo Verri, avrà luogo il “Festival del Cinema Invisibile – il cinema indipendente delle regioni”.
La manifestazione, ideata dal Cineclub “Fiori di Fuoco” di Lecce con la direzione di Ornella Striani e Nicola Neto, è realizzata in collaborazione con l’Unione Italiana Circoli del Cinema e con i patrocini del Ministero per i Beni Culturali – Direzione Generale Cinema, dell’Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e dell’Assessore al Turismo del Comune di Lecce.
Un ricco programma che metterà a confronto cortometraggi, mediometraggi e lungometraggi, documentari e fiction degli autori del cinema indipendente italiano più premiati degli ultimi anni.
Come nella prima edizione, accanto alla sezione competitiva, momento peculiare del festival di Lecce sarà la rassegna dedicata al cinema regionale: un’occasione per scoprire la moltitudine di storie, linguaggi e tradizioni presenti nelle diverse cinematografie locali. L’idea di un cinema fieramente ancorato alla sua matrice regionale è dunque il tema forte secondo il quale sono state scelte le opere in programma.
Al di là dell’aspetto competitivo e delle diverse forme espressive, l’edizione 2007 si propone soprattutto come momento di incontro tra filmakers: ogni mattina, in un apposito spazio aperto, gli autori potranno scambiarsi idee ed esperienze sul cinema e proporre al pubblico i propri lavori.

E’ un “guardare” più da vicino la situazione del cinema italiano, scoprire e operare un confronto tra alcune opere. E’ l’universo spesso inesplorato dei film non-visti, del ‘cinema invisibile’, di tutti quei lavori non distribuiti, perché fuori dai ‘gusti’ del pubblico medio e quindi su cui nessun produttore scommetterà mai.
Questo il senso della rassegna del ‘Cinema Indipendente Regionale’ in mostra a Lecce dal 20 al 22 settembre. Un Festival senza passerelle o volti sotto i flash, ma con tanti autori e lavori di qualità. Un momento d’incontro per favorire la diffusione di tutte quelle pellicole che per quanto valide non riescono a trovare una distribuzione seria.
I giorni della rassegna vedranno l’Accademia di Belle Arti e l’Associazione Culturale Fondo Verri a Lecce come luoghi di incontri, forum e discussioni che gireranno comunque intorno ai lavori in concorso. L’ingresso alle proiezioni sarà libero e consentirà anche la partecipazione agli altri eventi in programma.
Tanto cinema gratuito, dunque, e tre intense giornate di riflessione e divertimento offerte nella Città di Lecce dal Cineclub Fiori di Fuoco che nei prossimi mesi continuerà il suo impegno nella promozione del cinema italiano indipendente con diverse rassegne in Italia ed all’estero.


Il Programma

Le proiezioni inizieranno Giovedì 20 settembre alle 17.00, presso il Fondo Verri, con tre film fuori concorso prodotti dalle scuole: DIO E’ ZINGARO di Giuseppe Amoruso, allievo dell’Accademia di Cinema per Ragazzi di Bari-Enziteto, PALLONI GONFIATI!, un cortometraggio dedicato alle vittime della mafia diretto da Anna Dimitri e prodotto dall’I.C. di Corigliano d’Otranto (Lecce), UNA VITA DA RISCRIVERE prodotto dall’I.C. “A. Pisano” di Belfiore (Verona) realizzato da Salvatore Aiello e UNA STORIA SBAGLIATA di Giuseppe Novellino prodotto dal Liceo Classico “De Sanctis” di Salerno. La rassegna sulle regioni proseguirà con NASCONDIGLI della regista piemontese Elisa Ravarino.
La gara si aprirà alle ore 19.00, presso l’Accademia di Belle Arti, con gli intensi VIETATO A QUALCHE MINORE DI 14 ANNI del casertano Angelo Cretella, FUOCARRUBBAT dei lucani Giuseppe Marco Albano e Vincenzo Forcillo, IN FONDO AGLI OCCHI dell’emiliano Matteo Merli, AL MARE di Vito Palmieri, LA PIANTA di Antonello Novellino, IL CALIFFO di Caterina Dal Molin, con un’efficace interpretazione di Lucio Dalla, e COMPITO IN CLASSE del barese Daniele Cascella, già vincitore del Festival di Giffoni.
Inoltre, gli stravaganti DRESS! di Alessandro Palazzi e IL CASO ORDERO del ligure Marzio Mirabella e i divertenti L’UOMO VISIBILE del bolognese Lorenzo Massa, PERDIZIONE del leccese Maurizio Mazzotta, IL PINOCCHIO CAROGNONE del napoletano Giovanni Meola e MERIDIONALI SENZA FILTRO di Michele Bia, fresco vincitore del David di Donatello.

Venerdi 21 settembre, dalle 17.00, la rassegna di cinema regionale mostrerà la Sicilia di DESIDERIO IN AMORE di Giacomo Maimone e del documentario GIOVANNI E IL MITO IMPOSSIBILE DELLE ARTI VISIVE di Ruggero Di Maggio e Gabriele Gismondi, la Sardegna di KOKKOS di Francesca Ligas, l’Emilia Romagna di L’UOMO DA BAR di Elisabetta Chinarelli e Paola Ferrioli e il Salento de LU NTARTIENI di Antonio Napolitano.
Dalle 19.00 riprende il confronto tra gli autori con il pluripremiato Max Bartoli da Roma (IGNOTUS), il milanese Attilio Azzola (COME UN FILO D’ERBA NEL PRATO), il siciliano Andrea Burrafato (ATTO DI DOLORE), la romana Francesca Di Giuliano (UNA GOMMA E’ PER SEMPRE), il duo campano Fabio Ferro e Sydney Sibilia (NOEMI). Ed ancora: la ricerca di identità di LISBONSENSIBLE della milanese Eleonora Ievolella; il mondo del lavoro di QUALCUNO TUTTUNO CENTOMILA di Angelo Paparcuri e di FACCIATOSTA, diretto da Roberto Quarta e interpretato dall’attore leccese Ippolito Chiarello; le prospettive criminali di UN CERTAIN REGARD di Mario Tani; la comicità di OIMARI’ di Alberto Guiducci da Rimini, di LUDOVICO VAN del laziale Enrico Calamante e del lungometraggio ambientato nella provincia milanese L’IMPRESA di Fabrizio Favaloro,.

Sabato 22 settembre, alle ore 11.00, gli autori si incontreranno per un dibattito dal titolo “FARE CINEMA, INDIPENDENTEMENTE”, un confronto tra i videomakers e le istituzioni, cui prenderanno parte, oltre ai tanti autori indipendenti, il direttore dell’Apulia Film Commission, Silvio Maselli, e i politici leccesi Loredana Capone e Massimo Alfarano, anche componenti della giuria del festival.
Alle 18.00, nella cerimonia di premiazione, si conosceranno i vincitori scelti dalla giuria e dal pubblico, mentre alle 19.30, dopo la proiezione dei film vincitori, il lungometraggio VUOTI URBANI di Massimiliano Giacinti concluderà la rassegna sul cinema regionale.
La serata proseguirà con due proiezioni speciali: il cortometraggio in anteprima CRIMINEL GENETIQUE di Valerio Maggi ed il documentario sul cinema di Ugo Gregoretti IL FAVOLOSO MONDO DI G. realizzato dal napoletano Luigi Barletta.

Il Festival, inoltre, ospiterà la mostra fotografica di Adriano Scognamillo, fotografo professionista leccese che, dopo anni di successi in giro per il mondo, torna nella sua città con un personale sguardo sulla figura dell’attore.

Sito: www.RepubblicaSalentina.it/cininvisibile.html