Il tesoro dei pirati al Teatro Lorenzo da Ponte di Vittorio Veneto

Il ciclo “Domeniche a Teatro”, dedicato all’infanzia e alle famiglie, continuerà al Teatro Lorenzo Da Ponte di Vittorio Veneto domenica 30 novembre alle ore 16.00 con Il tesoro dei pirati

Il racconto de Il tesoro dei pirati è un viaggio alla ricerca di grandi avventure visto attraverso il mondo ironico dei burattini. Si narra di un misterioso tesoro da scoprire, un tesoro che va al di là di gioielli, pietre preziose, oro, argento, un tesoro che due piccoli pirati sono decisi a scoprire. I protagonisti dovranno vivere delle curiose avventure dove mistero e colpi di scena sono costanti della vicenda, stimolando così la fantasia dei bambini attraverso una serie di vicissitudini ambientate nei classici luoghi comuni delle storie dei pirati. I nostri piccoli spettatori verranno quindi catapultati in uno spazio tra la mitologia del mare e le leggende delle gesta di questi burattini coraggiosi e senza paura che hanno in sé uno spirito di libertà e di comunità che permette loro di superare ogni difficoltà.
Sarà uno spettacolo di grande impatto visivo dove il tesoro più grande sarà quello della solidarietà, dell’amicizia e del desiderio di spezzare le catene, e dove lo stile inconfondibile della scenografia di Marina Montelli rende unica questa rappresentazione. La Compagnia del Teatro Pirata di Jesi, costituita dal 1993, grazie alla loro vasta esperienza nel campo del teatro per ragazzi iniziata nel 1980, riesce a rendere al meglio la vera importanza del significato di solidarietà e amicizia che questa storia vuole comunicare.
—–
L’appuntamento successivo si terrà presso il Teatro Careni, domenica 11 gennaio, la compagnia milanese“Compagnia Teatrale Mattioli” presenta Prezzemolina, liberamente ispirata all’omonima fiaba popolare. Prezzemolina è una storia per crescere: la scoperta e la sperimentazione di rapporti di sincera solidarietà, aprono al bambino uno scenario differente in cui l’amicizia libera energie positive e diventa una storia nuova, di piacere e serenità. Con Le avventure di Pinocchio, in scena domenica 25 gennaio al Teatro Da Ponte, il regista Maurizio Bercini, farà conoscere una versione tutta nuova di pinocchio, un burattino adulto che trasformerà il suo rifiuto a riconoscersi Pinocchio, nella voglia di finire la storia, per poterla ricominciare, rivivendo la sua infanzia a ritroso fino a tornare ad essere il ceppo d’albero fatato.
La notte racconta è l’ultimo spettacolo della rassegna e si terrà al Teatro Careni, domenica 8 febbraio. Il testo, liberamente tratto dal racconto di Rafik Schami è scritto e diretto da Livio Vinello. Seduti su un grande tappeto che occupa tutto lo spazio scenico, gli spettatori, mentre bevono un bicchiere di te, ascoltano il racconto di una fiaba. Una fiaba che ha il potere, come tutte le fiabe, di rivolgersi sia ai bambini che agli adulti, evocando immagini ed emozioni profonde. Una fiaba che viene da lontano e che, dicono, ha il potere di allungare la vita, di capire gli altri, di ricordare che c’è ancora qualcosa che non ha prezzo.

I prossimi tre appuntamenti saranno il 25 gennaio alle ore 16.00 al Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto e, infine, come giornata di chiusura, un doppio spettacolo, l’8 febbraio alle ore 15.00 e alle ore 17.00 al Teatro Careni di Pieve di Soligo.

TEATRO LORENZO DA PONTE. Via Martiri della libertà – 31029 VittorioVeneto (TV)
tel. 0438 553 836, 0422 540 480 – fax 0422 419 637
Costo biglietti: intero 5 €; ridotto 2 € (il biglietto ridotto è riservato ai bambini di età inferiore ai 12 anni)

www.teatrispa.it