Nelly Furtado a Milano per l’unico concerto italiano

Organizzazione di Live Nation

Il 13 marzo l’Alcatraz ha aperto le porte ai fan italiani di Nelly Furtado. È arrivata a Milano per l’unica tappa italiana – organizzata da Live Nation – in forma e in perfetto stile pop, Nelly Furtado.

Tra le varie location che l’avrebbero accolta a braccia aperte ha scelto l’Alcatraz, dove ha allestito una scenografia in linea con la propria personalità e la connessa musica: allegra, festosa, frizzante. Uno “Spirit Indestructible” come quello che ha aperto il concerto il 13 marzo in via Valtellina.

Vestitino nero da bambolina, una ricca band sul palco – tra cui l’amico chitarrista Dylan Murray con cui duetta Be ok – Nelly non ha fatto attendere troppo i suoi fan prima di dar voce ai successi più celebri: Say it right, Manos al aire (con cui ha trascinato il pubblico, appunto, mani in aria), Powerless, I’m like a bird e All good things.

Ma c’è stato spazio anche per le cover nella serata milanese che la Furtado ha dedicato ai suoi followers italiani (www.nellyfurtado.it è il suo sito in Italia); una tra le varie Quando quando quando, cantata prima e dopo qualche frase che Nelly ha provato a pronunciare nella nostra lingua (anche se la maggior parte dell’interazione con il pubblico è avvenuta in inglese).

Madonna e Timbaland sono altri due nomi che l’artista canadese ha scelto per movimentare la parentesi dedicata alle cover. Per il resto, brani tratti dal suo album più recente e poi anche dai successi precedenti.

Dunque uno spettacolo ricco e divertente che ora si sposta in altre città europee per continuare questo tour internazionale tutto primaverile.

www.chiaragiacobelli.com

CONDIVIDI
Articolo precedente“Hitchcock” di Sacha Gervasi
Prossimo articoloIL TANGO DI MIGUEL ANGEL ZOTTO
Avatar
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.