Rinviata di 2 mesi l’apertura del Teatro Libero

Causa ponteggi nel cortile del Teatro, la commissione di vigilanza procrastina l'inizio delle attività

La Commissione Comunale di Vigilanza, chiamata da Teatro Libero per avvallare i lavori fatti durante l’estate per migliorare e abbellire la sala, ha deciso il rinvio dell’apertura della nuova stagione.

L’apertura del teatro Libero è rinvata al termine dei lavori sulla facciata interna e nel cortile, decisi dalla proprietà. Le scale di emergenza infatti portano tutte nel cortile dove al momento persistono dei ponteggi.

La decisione della commissione è arrivata proprio il giorno della prima del nuovo spettacolo [“Notti Bianche” di Fedor Dostoevskij -> http://www.nonsolocinema.com/NOTTI-BIANCHE-di-Fedor-Dostoevskij_21162.html] , nuova produzione della Compagnia Teatri Possibili e nuova regia di Corrado d’Elia, che avrebbe dovuto debuttare lo scorso 29 settembre.

Teatro Libero ha chiesto urgente ospitalità agli altri teatri milanesi per lo spostamento dello spettacolo in altra sala.
“Notti Bianche” verrà ospitato nel più capiente e centrale Teatro Litta, di Corso Magenta, dove sarà in cartellone dal 15 al 30 ottobre.
La Compagnia è nel frattempo in attesa dell’avvio di un tavolo di lavoro con il Comune di Milano, settore Cultura, che dovrebbe partire a giorni, per risolvere in tempi brevi la questione di una sede più adeguata per Teatro Libero.

Nel ricordare che Teatro Libero è uno dei teatri milanesi con più pubblico, si ribadisce che la riduzione della capienza a soli 94 posti dopo i lavori estivi non è adeguata e sufficiente per contenere l’affezionato pubblico della sala e pone in maniera ancora più urgente la questione di un nuovo teatro per la Compagnia Teatri Possibili.
La questione è stata posta più volte a gran voce dai giornali e ribadita dallo stesso d’Elia in più occasioni. La Compagnia ha annunciato a breve una campagna di sensibilizzazione della città e una raccolta firme.

[www.teatrolibero.it->www.teatrolibero.it]