“THE HELP” di TATE TAYLOR

Il lungo e difficile viaggio verso il cambiamento

Due domestiche di colore e un’aspirante scrittrice della buona società sfidano le convenzioni e raccontanto i segreti delle case di Jackson, Mississipi. Strepitoso cast per una struggente storia tratta dal bestseller di Kathryn Stockett.

Con una permanenza di quattro settimane in testa al box office americano – dove è uscito nell’estete 2011 – e vari premi The Help, trasposizione cinematografica firmata da Tate Taylor del bestseller di Kathryn Stockett è una storia tutta al femminile che potrebbe riservare qualche sorpresa sia ai Golden Globe (con quattro candidature: miglior attrice, migliore attrice non protagonista, miglior film drammatico, migliore canzone originale), sia agli Oscar.

A Jackson, Mississipi, nel 1963, tre donne incrociano i propri destini. Skeeter (Emma Stone) è una giovane giornalista e aspirante scrittrice che, incaricata di condurre una rubrica di “consigli per casalinghe” sul giornale locale, chiede aiuto a una delle domestiche di colore, silenziosi angeli del focoloare di ogni famiglia bianca della città.

Scorpre così che queste donne “invisibili”, hanno storie ben più interessanti da raccontare: delle loro vite dense di fatica, delle vite dei figli degli altri, che accudiscono supplendo all’amore distratto di madri ricche e viziate, impegnate tra riunioni di circoli culturali e shopping.

Skeeter decide che queste storie devono essere raccontate, anche andando contro tutte le convenzioni. E inizia così a incontrarsi semi-clandestinamente con Aibileen (Viola Davis, una nomination nel 2008 per Il dubbio) che ha allevato 17 bambini bianchi. Apparentemente tranquilla ma molto determinata, Aibileen sembra essere molto diversa dell’esuberante Minny (Octavia Spencer), “la migliore cuoca del Mississipi”, una donna ancora giovane e incapace di subire in silenzio ingiustizie e angherie.

Saranno loro le pioniere che guideranno un piccolo drappello di “aiuti” a svelare i segreti delle case dei bianchi. Come quelli di Hilly (Bryce Dallas Howard) manipolatrice e ultraconvenzionale giovane dama della buona società, impegnata a far passare una norma che obblighi la costruzione di bagni separati per le domestiche di colore. Hilly detta legge nel suo circolo di giovani madri e casalinghe (sotto lo sguardo ironico della madre Missus Walters, l’atttrice Sissy Spacek) da cui è esclusa solo la vistosa e biondissima Celia (Jessica Chastain) ritenuta troppo volgare e quindi tenuta a debita distanza dalla buona società locale.

Una intensa storia di coraggio tutto al femminile, tanto realistica da sembrare vera, in cui le emozioni e il lento riscatto delle donne di colore è narrato con un equilibrato mix di commozione e humour. Ed è proprio questa la forza di questo bel film, che si discosta da quelli a tematica razziale – niente Ku Klux Klan, niente scontri violenti nelle strade – per concentrarsi con la forza dei dialoghi e della recitazione sulle tensioni che attraversano la quotidianità e che nascono da una radicata cultura del razzismo. E che dal 1962, come ogni storia universale e senza tempo, potrebbe facilmente essere trasportata ai giorni nostri.

Da segnalare la bella colonna sonora, con brani, tra gli altri, di Ray Charles e Bob Dylan, e la canzone originale cantata da Mary J.Blige “The living proof”.

The Help
Titolo originale: The Help
Nazione: U.S.A.
Anno: 2011
Genere: Drammatico
Durata: 137′
Regia: Tate Taylor
Sito ufficiale: http://thehelpmovie.com
Cast: Emma Stone, Viola Davis, Bryce Dallas Howard, Octavia Spencer, Jessica Chastain, Ahna O’Reilly, Allison Janney, Anna Camp, Sissy Spacek, Eleanor Henry, Chris Lowell, Cicely Tyson
Produzione: 1492 Pictures, Harbinger Pictures
Data di uscita: 20 Gennaio 2012 (cinema)