Gail Honeyman ha circa quarant’anni è nata e cresciuta in Scozia, vive a Glasgow e con il suo primo romanzo, Eleanor Oliphant sta benissimo, presentato a un concorso letterario ha scalato le vette delle classifiche dei libri più venduti.
In corso di pubblicazione in 35 paesi, è il romanzo d’esordio più venduto di sempre in Inghilterra.Narrato in prima persona dalla protagonista, è un libro che a poco a poco si rivela come un thriller. Una prosa scorrevole, dettagliata, molto curata, proprio come la vita di Eleanor Oliphan. Trentenne, impiegata modello, donna che vive in una routine fissa, ordinata, ma completamente vuota. L’incontro con un tecnico informatico che lavora nel suo stesso ufficio e una serie di eventi imprevisti spezzano pezzettino dopo pezzettino, uno schema fisso che Eleanor percorre e ripercorre per sopravvivere, per paura di far venire a galla il suo passato. Pagina dopo pagina, Gail Honeyman semina indizi che spiazzano il lettore fino all’ultima pagina.
C’è molto calore e tenerezza nel modo in cui l’autrice tratta questa donna, stramba, ma buona, tragicamente ferita nel suo passato. E questa compassione è trasmessa al lettore, che viene agganciato da una storia cupa che lascia ampio spazio a un brillante umorismo. Sono proprio questi due contrasti, combinati insieme con affetto a rendere Eleanor Oliphant sta benissimo un romanzo stimolante.

 

Gail Honeyman, Eleanor Oliphant sta benissimo, Garzanti, 2018, pp 352, € 17,90