“La verità, vi spiego, sull’amore” di Enrica Tesio

A marzo il film al cinema con la Angiolini e la Crescentini

Ci sono libri che nascono dal nulla e diventano improvvisamente bestseller, ce ne sono altri su cui si punta il tutto per tutto ma nonostante ciò registrano un flop, e poi ci sono quei titoli che quando arrivano sul mercato sono già lanciati da sé, in quanto risultato finale di blog piuttosto seguiti. E’ quest’ultimo il caso di “La verità, vi spiego, sull’amore” firmato da Enrica Tesio, una mamma-blogger che si è incanalata come molte altre in un filone attualmente alquanto in voga ma, a differenza di tante, è riuscita ad emergere prima sulla rete, poi sulla carta e adesso persino al cinema.

A decretare il successo del suo libro edito da Mondadori arriverà nelle sale cinematografiche a marzo 2017 il film, con attori di rilievo come Carolina Crescentini, Ambra Angiolini nel ruolo della protagonista e Massimo Poggio, il tutto per la regia di Max Croci e la produzione di Notorious Pictures.

L’opera della Tesio cerca di dispensare consigli per mamme in difficoltà con freschezza e ironia, sebbene non lo si possa definire un vero e proprio romanzo. Resta infatti volutamente uno stile da blogger, in cui ad alcune parti narrative e una trama ridotta si intervallano categorie di madri/genitori/tipi umani/donne/maschi/nonni e così via, con l’introduzione di qualche lettera alla fine e una larga mole di massime, consigli, dritte, pensieri in libertà regalati dall’autrice alle sue lettrici.

Tra le tante liste che vengono stilate alcune sono esilaranti, come quella degli innamorati che inviano sms, o quella dei “pezzi da Presepe” che Sara, l’amica del cuore della protagonista, continua a collezionare nonostante l’età. La storia ruota attorno al dramma tragicomico vissuto da Dora, mamma di 35 anni con due bambini ancora piccoli improvvisamente lasciata dal compagno. Il suo umore diventa così una montagna russa, tra scatti di rabbia, down catastrofici allietati solo dalla presenza di Sara e dall’originale tata dei bimbi (Simone, poeta alternativo nonché compagno della sua cara amica), inutili ritorni di ex e incontri imprevisti con giovani venticinquenni che sapranno come farla sentire di nuovo giovane e bella.

Un libro che consiglio specialmente alle mamme di tutte le età, non necessariamente single, in cerca di un senso della vita, ma soprattutto di se stesse. Perché alla fine si ritorna sempre lì, alla riscoperta di chi si è e di cosa si vuole davvero, per cominciare qualunque percorso che possa avere delle solide fondamenta. Ed è proprio questo il messaggio che la Tesio vuol far passare, seppur attraverso una buona dose di ironia e un personaggio femminile un po’ fuori dalle righe, ma pur sempre capace di interpretare pensieri, timori e quotidianità di una mamma-tipo italiana.

“Una mamma gioca, una madre insegna.

Una mamma stringe, una madre protegge.

Una mamma è chiocchia, una madre fa volare”.