Evento speciale della 16. Mostra internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, Vatican Chapels – con il Padiglione allestito sull’isola di San Giorgio Maggiore – è la prima partecipazione della Santa Sede alla manifestazione di architettura.

Il progetto, curato da Francesco Dal Co, si ispira alla Skogskapellet, la Cappella nel bosco dell’architetto Erik Gunnar Asplund.

Come la Skogskapellet di Asplund, le cappelle che formano il Padiglione della Santa Sede sono isolate in un ambiente naturale che l’Isola di San Giorgio per la sua bellezza e orginalità offre.
Vatican Chapels un Padiglione composito e diffuso, un pellegrinaggio spirituale ma anche laico della mente che lo spettatore compie.

Il tema è stato proposto a dieci architetti Andrew Berman (USA), Francesco Cellini (Italia), Javier Corvalàn (Paraguay), Eva Prats e Ricardo Flores (Spagna), Norman Foster (UK), Teronobu Fujimori (Giappone), Sean Godsell (Australia), Carla Juacaba (Brasile), Smiljan Radic (Cile), Eduardo Souto de Moura (Portogallo) invitati a costruire altrettante cappelle.

Il catalogo a cura di Francesco Dal Co, con testi del Cardinale Gianfranco Ravasi, Francesco Dal Co ed Elisabetta Molteni, documenta nel dettaglio il processo di ideazione e realizzazione del Padiglione della Santa Sede, con schizzi inediti, fotografie dei cantieri e delle cappelle concluse di  Electaarchitettura.