L’attrice comica francese Audrey Dana scrive, dirige e interpreta qualcosa di … divertente! Un divorzio recente, due figli piccoli e un lavoro a contatto con gli uomini, un ex marito in attesa di un nuovo figlio, … la vita di Jeanne è in discesa. Non riesce a imporsi e vive passivamente… finché una mattina si sveglia, guarda dentro i pantaloni del pigiama e si ritrova con un pene. La sua vita prende una svolta totalmente inaspettata.

Il ginecologo (un esilarante Christian Clavier) non sa darle una risposta, la vicina di casa/migliore amica è interdetta e divertita … e Jeanne non sa come gestire la situazione. Di certo impara a scoprire vantaggi, pregi e difetti di essere uomo; cosa significa essere nei panni di uomo.

Dopo lo sciocco 11 Donne a Parigi, Qualcosa di Troppo è un buffissimo film surreale.


Un’idea che ha impiegato 20 anni per prendere forma e raccontare cosa si prova ad essere nei panni dell’altro sesso. La regista parla di riconciliazione con sé stessi e della paura di confessare agli altri il proprio lato femminile/maschile. Un elogio al potenziale di ciascuno, uomo e donna.

La regista si dimostra all’altezza di essere il punto di forza del film. Gli altri attori, comunque ben scelti e ben diretti, le sanno offrire un’ottima spalla comica per tutte le varie gag.
Qualcosa di Troppo è una commedia stramba, non esente da alcuni momenti grotteschi e da luoghi comuni, ma di certo mai volgari.

 

 

 

 

Titolo originale: Si j’étais un homme
Nazione: Francia
Anno: 2017
Genere: Commedia
Durata: 95′
Regia: Audrey Dana
Cast: Audrey Dana, Christian Clavier, Eric Elmosnino, Alice Belaïdi, Antoine Gouy, Jonathan Louis
Produzione: Curiosa Films, Moana Films, TF1 Films Production, Versus Production, Proximus
Distribuzione: Adler Entertainment
Data di uscita: 11 Maggio 2017 (cinema)