Riuscita versione tanguera della tragedia di Giulietta e Romeo

In occasione del quarto centenario della morte di William Shakespeare, la compagnia Naturalis Labor, guidata e fondata dal coreografo vicentino Luciano Padovani nel 1998, ha portato in scena Romeo y Julieta Tango presso il Teatro di Mirano giovedì 14 dicembre, appuntamento inserito all’interno del cartellone della stagione di prosa 2017/2018. La tragicità del dramma shakespeariano si rivela essere in perfetta armonia con la passione espressa dal tango argentino, che racchiude in sé la forza di un giovane primo amore che combatte contro l’odio tra le famiglie dei Capuleti e dei Montecchi.

La scena si apre in modo inconsueto ma di grande effetto: Julieta è morta e si abbandona totalmente tra le braccia di Romeo, che tenta un disperato ultimo ballo con l’amata. Ecco allora che i due giovani amanti innamorati, grazie all’architettura coreografica di Padovani, diventano pretesto per sottolineare la ciclicità e l’universalità degli stereotipi amorosi, da sempre messe in luce nei testi di Shakespeare.

I dodici danzatori ballano sulle note di Piazzolla, scelte perché ritenute «particolarmente adatte sia per sottolineare il carattere drammatico di certe scene (come lo scontro tra le due famiglie, la morte di Mercuzio e di Tebaldo) sia per amplificare la poesia e il ‘romanticismo’ dell’incontro e della passione dei due giovani amanti».

Di grande impatto visivo anche la scelta della sceneggiatura: nessun riferimento esplicito a Verona, né a Buenos Aires, patria del tango, ma un unico portone che sembra danzare assieme ai protagonisti, adattandosi sapientemente alle loro esigenze e diventando prima salone da ballo, poi letto e balcone, per poi trasformarsi in bara e pertugio.

L’erotismo suggerito naturalmente dal tango non è mai in conflitto con l’ingenua e timida passione tra i due giovani, prossimi ai quattordici anni: c’è sempre grande equilibrio, rigore ed eleganza nella danza tra i due protagonisti. Intrecci di mani, piedi sospesi e incrocio di dolci sguardi, rivelano con armonia tutte le speranze e le aspettative del primo grande amore. Al contempo, le altre cinque coppie di ballerini con gli adeguati cambi d’abiti e di musiche, creano delle perfette cornici amplificando la drammaticità del conflitto tra Tebaldo, Mercuzio e Romeo, lo strazio nella morte di troppi giovani innocenti, la fugace allegria durante la festa dei Capuleti e la dualità tra l’amore e l’astio su cui si basa l’intera tragedia.

Nello spettacolo Romeo y Julieta Tango danzano Ludovica Antonietti, Matteo Antonietti, Tobias Bert, Loredana De Brasi, Marcelo Ballonzo, Jessica D’Angelo, Giannalberto De Filippis, Elena Garis, Silvio Grand, Elisa Mucchi, Marco Pericoli e Selene Scarpolini. Le musiche di tango sono di Piazzolla, Speranza, Calo, Mores, Quartango, Rachel’s, Sollima, Purcell, Westhoff con la consulenza musicale di Carlo Carcano. I costumi sono di Lucia Lapolla, le scene di Antonio Panzuto, le luci di Carlo Cerri.

La prossima messa in scena di Romeo y Julieta Tango:
Data: 23 febbraio 2018, 9:15 PM
Luogo: Teatro della Regina, Cattolica