“IL LAVORO RENDE LIBERI” DI TONI SERVILLO

Le due pieces che compongono lo spettacolo (“Scandisk” e “Defrag”) prendono il titolo da due funzioni del computer. Lo Scandisk setaccia il disco alla...

“THAÏS” DI JULES MASSENET

L’ultima opera in scena a Roma al Teatro Costanzi dal 17 al 25 giugno, prima dello spostamento estivo a Caracalla, è il dramma lirico...

“HO VISTO SUZANNE”: IL TEATRO ENTRA IN CARCERE

Allestito in un cortile del carcere Le Vallette di Torino, lo spettacolo “Ho visto Suzanne” è stato realizzato dai detenuti della VI sezione del...

“L’ETA’ DELL’ORO” DI LAURA CURINO

Convince e coinvolge l'ultimo spettacolo di Laura Curino, "L'età dell'oro", scritto in collaborazione con Michela Marelli e diretto da Serena Sinigaglia, entrambe della compagnia...

“LA STANZA DI ORFEO. SPETTACOLO PER UNO SPETTATORE E REGISTRATORE” DI MARCO ZOCCARATO

Si chiude con le rappresentazioni di "La stanza di Orfeo" la prima fase del progetto "Sottobanco", voluto e realizzato dal laboratorio di cultura teatrale...

“FINALE DI PARTITA” DI SAMUEL BECKETT

Con “Finale di partita”, in scena a Milano al teatro Out Off dal 3 al 29 maggio, ancora una volta Beckett presenta un lavoro...

“EL. LISSE – SOGNO OCCIDENTALE” DI SILVIA NANNI

L’ellisse è definito come un luogo geometrico di punti le cui distanze da due punti fissi, denominati fuochi, hanno somma costante. Ma il sostantivo...

“UBU C’E'” DI GIACOMO CAUTERUCCIO

Dopo "L’ultimo nastro di Krapp" di Samuel Beckett Giancarlo Cauteruccio si misura con un’opera che ha segnato l’origine del teatro moderno: "Ubu Roi" di...

“LA CONSTATAZIONE AMICHEVOLE NEI TAMPONAMENTI TRA MIETITREBBIE” DI GENE GNOCCHI

"La constatazione amichevole nei tamponamenti tra mietitrebbie" è il secondo capitolo di una trilogia iniziata nel 2000 con "La responsabilità civile dei bidelli durante...

“TURANDOT” DI GIACOMO PUCCINI

Dopo Semiramide, il Teatro dell'Opera di Roma ci propone un'altra figura di spietata donna al potere: Turandot. In un Oriente ancor più estremo assistiamo...

Spettacoli da non perdere