Autunno del 2015. All’Opéra di Parigi, Stéphane Lissner sta ultimando i preparativi per la sua prima conferenza stampa come direttore artistico, in cui presenterà la nuova stagione.


Ma l’annuncio di uno sciopero e l’aggiunta al cast di un interprete inaspettato (un toro!) complicheranno la situazione. Contemporaneamente, il destino di un giovane cantante russo che frequenta l’Accademia dell’Opera incrocia la strada di una delle più grandi voci della sua epoca.


Il regista Jean-Stéphane Bron racconta la vita dietro le quinte di un icona francese: l’Opera di Parigi. La macchina da presa segue le vicende di una delle sue stagioni più complesse di sempre, e come in un metateatro mette cosı̀ in scena l’infinita commedia – non priva talvolta di tinte tragiche – delle vicende umane.

Ora, non siamo di fronte alla raffinatezza de La Danse – Le Ballet de l’Opéra de Paris di Frederick Wiseman.
Qui il regista restituisce, con un montaggio a mosaico, la comunità, la vita intensa del dietro le quinte di recital, balletti e concerti. Bron è interessato a questo: alle sfide quotidiane dell’Operà, alla costruzione delle scene come quelle dei rapporti e alla ricerca di fondi. E nel voler raccontare tutto, affronta tante cose superficialmente.

 

Titolo originale: L’Opéra
Nazione: Svizzera, Francia
Anno: 2017
Genere: Documentario
Durata: 110′
Regia: Jean-Stéphane Bron
Cast: Stéphane Lissner, Benjamin Millepied
Produzione: Les Films Pelléas
Distribuzione: I Wonder Pictures
Data di uscita: 13 Novembre 2017 (cinema)