“2 Due” al Pim di Milano

Fibre parallele, interessante realtà della nuova scena italiana, torna al PIM Spazio Scenico, dal 22 al 25 gennaio 2010, con: 2. (DUE)

2 Due

uno spettacolo di: Licia Lanera e Riccardo Spagnulo

con Licia Lanera

luci e suono Riccardo Spagnulo

Vincitore del concorso Fringe/l’AltroFestival,all’interno del 18° FIT Festival Internazionale del Teatro di Lugano .
Progetto finalista di EXTRA-segnali dalla nuova scena contemporanea
—–
In una piccola stanza bianca c’è una donna dalle profonde occhiaie e dai capelli rossi. È vestita di bianco, a metà tra l’infermiera e il vestito della prima comunione, e cammina su dei tacchi alti: una Gene Tierney esasperata e triviale (“Femmina folle”, John M. Stahl, 1945).
La storia di una donna la cui storia d’amore è finita con un addio. Lui l’ha lasciata, lei lo ammazza.
La narrazione si fonde con l’azione scenica e il bianco della purezza e dell’infermità si confonde con il nero della cronaca.
Il vero racconto riguarda un momento, quello del forchettone piantato nel collo dell’amato. Lei non risparmia un dettaglio dell’assassinio: con brutale lucidità ricostruisce le sensazioni, le immagini, i respiri agonizzanti della vittima, le sue ultime forze, gli occhi vitrei.
La recitazione è abolita: il testo, scomposto e sincopato, viene trasmesso dall’attrice attraverso una robotica sonnolenza, algida e asettica. L’uso del microfono rende ancora più dichiarato questo straniamento.
“Un incubo costruito sui brutali racconti di noti assassini, uno fra tutti Luigi Chiatti. Ci ha colpito la loro lucidità nel raccontare degli eventi così gravi, la loro leggerezza, l’inconsapevolezza infantile di fronte agli occhi attoniti dei parenti delle vittime.
E’ l’inquietante straniamento di chi ragione non ha.
E’ il muto grido di chi ha perso se stesso nella sua follia”.
Dal 22 al 25 Gennaio 2010 ore 21
Fibre Parallele
2. (DUE)

——-

2. (DUE) è stato il vincitore del concorso Fringe/l’AltroFestival, all’interno del 18° FIT Festival Internazionale del Teatro di Lugano in Svizzera.
Lo spettacolo è stato premiato con la seguente motivazione: “per la rappresentazione di un’agghiacciante distruzione di una normalità tradita, che sfocia in lucida follia. La recitazione, straniata e sostenuta da umori assimilabili al corto circuito in atto nel cervello della donna tradita dal proprio uomo per un altro uomo, arriva diretta allo spettatore, inconsapevole testimone di una tragedia della normalità”.

“Licia Lanera in 2.(DUE) gioca con un glamour splatter, vaga in uno spazio bianco tra microfoni, strizzata in un abito tra l’infermiera e la star del burlesque. […] tragedia horror da B theatre con tanto di pioggia di sangue per la delizia della performer e dello spettatore intrigato.”
Nicola Viesti
Hystrio

“La scelta di un taglio estetico così aderente a un’idea di contemporaneo di eco nordeuropea, che ha trovato il suo apice/epicentro nella Romagna felix di qualche anno fa, viene sapientemente distorta da un lavoro di drammaturgia profondamente ironico, che attraverso l’iperesposizione di un dramma (umano, troppo umano) crea un’iperbole di senso, e rende un personaggio tanto bloccato allo stesso tempo struggente e ridicolo. Merito anche di Licia Lanera, attrice dalla straordinaria presenza scenica e dal piglio recitativo convincente e insolito.”
Graziano Graziani
Carta

“Degno di attenzione era anche 2. (Due), di Fibre Parallele, un feroce manifesto della ottusità che pervade la civiltà del terzo millennio, propria di una generazione educata affettivamente dalle soap opera; affetta da una violenza latente, pronta a deflagrare al primo incrinarsi di precari e fittizi equilibri. La drammaturgia è ben sostenuta da felici scelte registiche ed attorali: il tono espositivo, sospeso fra realismo lagnoso e distacco allucinato; l’efficacia di alcuni elementi simbolici, come lo stillare, amplificato, delle gocce di sangue; l’irrompere della disco music, fino all’annegamento finale della protagonista.” Claudio Facchinelli
Sipario

“Davvero inquietante l’interpretazione di Licia Lanera […]. Questa nuova produzione di Fibre Parallele ha sapore deciso […] Vestita di bianco, fra decadenti suggestioni sonore, Licia Lanera affonda nel ricordo di una tragedia di cui, quasi una via crucis, ripercorre le stazioni, con misurata commozione e sottile stupore. […] E l’acqua limpida che si arrossa è verso il pubblico transfert da brividi.”
Italo Interesse
Quotidiano di Bari

—–
Fibre Parallele nasce nel 2005.
Il nucleo della compagnia è costituito da Licia Lanera e Riccardo Spagnulo che lavorano insieme dal 2003. Nel Novembre 2007 Fibre Parallele produce Mangiami l’anima e poi sputala, presentato a Ubusettete-Rialtosantambrogio 2007, Spazio OFF, Primavera dei Teatri 2008 a Castrovillari, Zoom Teatro 2008 a Scandicci (FI), PIM Spazio Scenico, Teatro Kismet OperA, al Nobodaddy di Ravenna, all’Oda Teatro di Foggia, al Festival Teatri di Vetro 3.
Nell’anno 2007/08, la compagnia ha gestito uno spazio culturale presso il circolo Arci Gramigna di Bari dove ha organizzato Room for Rent, una rassegna per parole, immagini e suoni, che da Novembre 2007 ad Aprile 2008, ha ospitato 25 eventi differenti. Nel Maggio 2008, Fibre Parallele Teatro, con il progetto “Esercizi di lingua violenta” presentato con il Teatro Kismet e con la collaborazione di Ravenna Teatro/Teatro delle Albe e del Teatro Pubblico Pugliese, è tra i dieci vincitori del bando Nuove Creatività pubblicato dall’Ente Teatrale Italiano.

Nel Novembre 2008 la compagnia ha debuttato al Teatro Testori di Forlì, con il monologo dal titolo 2.(DUE), progetto selezionato alla finale del concorso EXTRA, promosso dall’associazione GAI (Giovani Artisti Italiani), presentato allo Spazio OFF-Fabrica Famae di Trani, Rialtosantambrogio a Roma, al Festival Maggio all’infanzia 2009 a Bari. Nel maggio 2009 al teatro Valle di Roma, ha debuttato Furie de Sanghe – Emorragia cerebrale, coprodotto con il Teatro Kismet OperA e Ravenna Teatro/Teatro delle Albe, con il sostegno dell’ETI – Ente Teatrale Italiano e in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

PiM Spazio Scenico, Via Tertulliano 68 – 20137 Milano
Tel/Fax 02.54102612 (segreteria telefonica)
[info@pimspazioscenico.it->info@pimspazioscenico.it] – www.pimspazioscenico.it