BRIZZI, SOLFRIZZI, LITTIZZETTO E “FEMMINE CONTRO MASCHI”

Incontro a Torino con i protagonisti della commedia "Femmine contro Maschi"

Conferenza stampa con la più alta concentrazione di doppie “z” per la presentazione del nuovo film di Fausto Brizzi “Femmine contro Maschi”.

Durante il tour promozionale per Femmine contro maschi il regista Fausto Brizzi anticipa il suo prossimo lavoro le cui riprese inizieranno a giugno, di nuovo a Torino: “Girerò di nuovo a Torino la commedia ‘Sex’, sulle ipocrisie del sesso nella famiglia italiana. E sarà in 3D“. Per Luciana Littizzetto è un invito a nozze: “Son curiosa di vederlo, di vedere un film sul sesso in 3D, praticamente arriverà fino alle prime file“, non c’è bisogno di specificare cosa…

Senza dubbio più frizzante e divertente del film, la conferenza stampa in cui Fausto Brizzi, la Litti e il suo grezzo marito (sullo schermo) Emilio Solfrizzi raccontano l’atmosfera sul set: “Qua c’era un manicomio – sorride Luciana Littizzetto – eravamo tanti e certi giorni dovevi fare la coda al camper del trucco“. Ma anche lontano dal set non mancavano le risate: “Tutto il cast – aggiunge Brizzi – viveva nello stesso residence, sembravamo una scolaresca in gita“.

Dei sei mesi trascorsi a Torino per le riprese in contemporanea dei due film Brizzi ha ricordi positivi: “E’ stata una vera maratona, molto faticosa, ma girare a Torino ha il vantaggio che qui in dieci minuti sei sul set, la gente è molto ospitale, la Film Commission mi ha fatto innamorare di questa città che i romani, a torto, pensano grigia e invece è piena di vita. Faceva solo un freddo terribile. Per questo girerò ‘Sex’ in estate”.

Luciana Littizzetto nel film è l’urologa Anna, che ha l’occasione di “riformattare” il marito: “Noi donne ci innamoriano dei difetti degli uomini, dopo due settimane scopriamo che fanno schifo e crediamo di poterli cambiare. Negli stessi dieci minuti prepariamo il minestrone, trapiantiamo le begonie, portiamo fuori il cane e telefoniamo all’amante. Loro cambiano la pila dell’orologio a muro, e la mettono al contrario. Solo che loro sono eterni giocherelloni, e trovano prima la soluzione: cambiano fidanzata. Noi, con la la nostra mania di essere multitasking, scleriamo“.

Secondo Brizzi, autore della sceneggiatura con Marco Martani, Massimiliano Bruno e Pulsatilla, il film “Racconta che è impossibile cambiare. Il vero conflitto tra maschi e femmine è far credere di essere diversi“. E aggiunge Emilio Solfrizzi: “Noi siamo sempre bambini, Io faccio raccolta di figurine, come Rocco nel film, e colleziono fumetti“. Passione condivisa da Brizzi: “Io pure. Ho cambiato fidanzate, ma i fumetti restano“.

Sulla voglia di evasione che ha decretato il successo al botteghino delle ultime commedie italiane Luciana Littizzetto: “Sono tempi pesantissimi, la gente ha voglia di non pensare alla nostra situazione. Noi siamo comici, dobbiamo fare bene il nostro mestiere, dobbiamo far ridere: questo è il nostro compito“.