“CALL ME IRRESPONSIBLE” DI MICHAEL BUBLÈ

Nel segno dello swing

Il cantante canadese (di origine italiana) che ha venduto quasi dodici milioni di dischi in tutto il mondo, presenta il suo terzo album “Call me irresponsible”. Un lavoro in cui si riconferma, ancora una volta, il suo talento e tutta la sua passione per lo swing.

Michael Bublè fin dagli esordi e dal suo primo album è riuscito a dimostrare che lo swing può essere ancora un genere “di moda”. Cresciuto a Vancouver tra le note di Frank Sinatra, Dean Martin e di altri famosi swingers, Michael rimane affascinato da questo tipo di musica a dai suoi carismatici interpreti, tanto che decide, con inaspettato coraggio, di farlo suo. Con ottimi risultati.
Non è facile, infatti, misurarsi con i vari artisti del Rat Pack, il paragone rimane sempre dietro l’angolo, ma il talento, l’umiltà e soprattutto la voce rendono Bublè il crooner della generazione degli mp3.

Il grande pubblico lo ha conosciuto, e apprezzato, con il singolo Moondance tratto dall’omonimo album Michael Bublè (2003). Un paio d’anni dopo è la volta di It’s Time lanciato dalla romantica e inedita Home che rappresenta una nuova conferma. Con il nuovo album Call me irresponsible Michael voleva dimostrare l’evoluzione della sua musica, la sua crescita professionale, la sua maturità artistica, una scommessa che pare ancora una volta riuscita.

L’album si apre con una versione deliziosamente orchestrata di The Best Is yet to Come, pezzo di Cy Coleman’s ma reso noto dalla magistrale interpretazione di Sinatra. Si continua con It Had Better Be Tonight in cui Bublè rende omaggio alle sue origini cantando qualche verso in italiano, l’arrangiamento salseggiante la rende ballabile e travolgente. Il tono, invece, si fa più romantico e sensuale con il brano scritto da Leonard Cohen I’m Your Man.

Il brano contiene anche due inediti, scritti dallo stesso Bublè, Lost e Everything, quest’ultimo anche singolo che ha anticipato l’uscita dell’album e in cui Michael parla dell’amore, di quello travolgente di quello irrazionale. Di altro genere la successiva I’ve Got the World On a String costruita su cori ed orchestra.

Con Call me irresponsible si riconferma il grande talento di questo giovane artista che grazie alle sue canzoni è riuscito a trasmettere tutta la sua passione la musica e ha fatto scoprire o riapprezzare la sensualità e la magia dello swing.

TRACKLIST:
1. The Best is Yet to Come
2. It Had Better Be Tonight
3. Me and Mrs. Jones
4. I’m Your Man
5. Comin’ Home, Baby
6. Lost
7. Call Me Irresponsible
8. Wonderful Tonight
9. Everything
10. I’ve Got The World On A String
11. Always on My Mind
12. That’s Life
13. Dream
14. L O V E (Bonus track special edition CD)
15. Orange Colored Sky (Bonus track The Internet Edition)
Il testo di EVERYTHING:
You’re a falling star, You’re the get away car.
You’re the line in the sand when I go too far.
You’re the swimming pool, on an August day.
And You’re the perfect thing to see.
And you play your card, but it’s kinda cute.
Ah, When you smile at me you know exactly what you do.
Baby don’t pretend, that you don’t know it’s true.
Cause you can see it when I look at you.
And in this crazy life, and through these crazy times
It’s you, it’s you, You make me sing.
You’re every line, you’re every word, you’re everything.
You’re a carousel, you’re a wishing well,
And you light me up, when you ring my bell.
You’re a mystery, you’re from outer space,
You’re every minute of my everyday.
And I can’t believe, uh that I’m your man,
And I get to kiss you baby just because I can.
Whatever comes our way, ah we’ll see it through,
And you know that’s what our love can do.
And in this crazy life, and through these crazy times
It’s you, it’s you, You make me sing
You’re every line, you’re every word, you’re everything.
So, La, La, La, La, La, La, La
So, La, La, La, La, La, La, La
And in this crazy life, and through these crazy times
It’s you, it’s you, You make me sing.
You’re every line, you’re every word, you’re everything.
You’re every song, and I sing along.
Cause you’re my everything.
yeah, yeah
So, La, La, La, La, La, La, La
So, La, La, La, La, La, La, La