“DEMETRIO STRATOS” DI ANTONIO OLEARI

Gioia e rivoluzione di una voce

Dall’Egitto, passando per la Grecia, la voce insostituibile di Demetrio Stratos è arrivata in Italia negli anni Sessanta, in un periodo in cui le sperimentazioni musicali fiorivano, dando a Stratos il terreno su giusto su cui coltivare il proprio sogno.

Le vicende umane e musicali di Demetrio Stratos continuano a colpire l’immaginario collettivo degli appassionati di musica. Le sue straordinarie e innate doti musicali, i suoi esperimenti con la voce al limite del possible sono quanto di più affascinante ci possa essere.

Antonio Oleari nel suo libro ripercorre la storia di questo ragazzo di origini greche nato ad Alessandria d’Egitto. La Milano degli anni Sessanta accoglie a braccia aperte l’entusiasmo e la bravura di Demetrio Stratos, che subito diventa uno dei protagonisti del sottobosco musicale della città, fino ad arrivare al periodo con I Ribelli, e alla formazione degli Area, alle collaborazioni con John Cage.
Attraverso le testimonianze di chi ha incontrato il cantante, lo frequentava e suonava con lui, Oleari dipinge un ritratto a tutto tondo dell’artista e dell’uomo, cercando di cogliere in profondità il senso del suo sperimentalismo. Ne emerge un Demetrio Stratos vivido, assorbito dalla musica, dallo studio della vocalità in tutte le sue forme, dal linguaggio alle forme di canto orientali. Demetrio Stratos che diventa pura voce quando canta.

Demetrio Stratos. Gioia e rivoluzione di una voce si offre come una lettura facile, scorrevole, appassionante come un romanzo, ma profonda come un saggio. Il libro è un’ottima occasione per ricordare un artista che ha dato molto alla musica, allo spettacolo, alla cutura e alla ricerca.
Ritornare a Demetrio Stratos, ora, è un viaggio che apre i confini di un orizzonte ormai chiuso dall’omologazione. La voce di Stratos è ancora un punto inarrivabile, che mostra i limiti, anche culturali, che devono essere superati.

Antonio Oleari, Demetrio Stratos, Aereostella, Milano, 2009, pp. 223, € 21,00.