“DUE VOLTE LEI – Lemming” di Dominik Moll

L'irrazionalità e il fantastico delle nostre vite normali

L’incontro di due coppie e la scoperta del cadavere di un misterioso roditore annunciano l’irrompere dell’irrazionale in quella che sino a quel momento era una vita molto ordinata…

Una giovane coppia stabilitasi da poco in una nuova casa. Una sera Alain, brillante ingegnere di robotica domestica, decide di invitare a cena il suo capo insieme alla moglie. Un evento banale: un lavandino intasato per la presenza all’interno del tubo di scarico di un “lemming”, un piccolo roditore della Scandinavaia. E’ l’incipit del film Due volte lei, diretto da Dominik Moll, che ha inaugurato il Concorso dell’ultima edizione del Festival di Cannes.

Ed altro non si deve sapere di una trama che sospesa tra il fantastico, l’immaginifico, lo psicanalitico e l’incartamento su se stessa, poco alla fine è d’aiuto per l’esito di tutta l’operazione. Un’opera potentemente evocativa (lo stesso autore ha confessato di essere rimasto da giovane incantato, pur non comprendendo molto, da un film come il Satyricon di Fellini) e che inspiegabilmente ci fa inabissare nelle luci (le penombre degli interni contrapposte alla luminosità degli esterni), nelle forme rigorose ed implacabili, nei suoni spogli e diretti di una realtà “altra” che come un inquietante “lemmus lemmus” sta li a ricordarci l’irrazionalità e la precarietà della nostra vita cosiddetta normale.

Certo che il “mood” narrativo e l’ottica di sguardo scelti da Moll per raccontare questa sospesa visione dell’esistenza umana possono lasciare freddi, confusi ed annoiati (nel suo precedente Harry un amico vero ci aveva ugualmente sorpreso ma più pienamente convinto). Così come una piatta recitazione sopra le righe ed a tratti volutamente esagerata nella sua costruita discorsività non sono d’aiuto per una diversa comprensione e naturale empatia con protagonisti che si vorrebbero prototipi di variegate esperienze umane (tutti gli interpreti Laurent Lucas, Charlotte Gainsbourg, Andre Dussolier e Charlotte Rampling assolvono alla perfezione al loro compito). Resta allora l’indefinito piacere e sfocato gusto di assistere ad una “meraviglioso” spettacolo della vita umana imploso e silenziosamente assordante, specchio del mal di vivere quotidiano di una società boccheggiante.

Titolo originale: Lemming
Nazione: Francia
Anno: 2005
Genere: Drammatico
Durata: 129′
Regia: Dominik Moll
Sito ufficiale: www.diaphana.fr

Cast: Laurent Lucas, Charlotte Gainsbourg, Charlotte Rampling, André Dussollier
Produzione: Diaphana Films
Distribuzione: Lucky Red
Data di uscita: Cannes 2005
31 Marzo 2006 (cinema)