Damiano Michieletto torna alla Fenice di Venezia con una nuova produzione della “Zauberflöte” di Mozar

Sul podio Antonello Manacorda; Alex Esposito nel ruolo di Papageno

Debutto il 20 ottobre, con repliche sino al 31 ottobre.

Nuovo debutto per Damiano Michieletto, che firma la regia del capolavoro
tedesco di Mozart, “Die Zauberflöte” (il flauto magico), alla Fenice di Venezia in
coproduzione con il Maggio Musicale di Firenze in scena dal 20 ottobre. Al
suo fianco, come di consueto, lo scenografo Paolo Fantin, la costumista
Carla Teti e il light designer Alessandro Carletti. Quello di Michieletto a
Venezia è un atteso ritorno nel teatro forse più significativo per la sua
carriera, frequentato assiduamente anche perché familiare, essendo
Michieletto veneto di formazione veneziana e anche “Veneziano dell’anno 2014” per le scelte e la qualità dei suoi progetti.

“Il Flauto Magico è una grande allegoria delle forze che si contendono
l’umanità – dichiara Damiano Michieletto – Con la Rivoluzione francese si è
affermata un nuova concezione della scuola, che deve essere laica, così ho
immaginato di raccontare questa allegoria favolosa e surreale all’interno
di una scuola che si apre ad un viaggio fisico di scoperta e consapevolezza
individuale. Tamino e Pamina, accompagnati dall’analfabeta Papageno, che
però conosce il linguaggio non scritto degli animali, vivono il conflitto
tra l’istruzione religiosa e laica (riassunto nel conflitto tra la Regina
della Notte e Sarastro) e si aprono ad una scoperta individuale degli
affetti e della sessualità, della maturità come indipendenza dai padri”.

Sul podio Antonello Manacorda, già impegnato con Michieletto alla Fenice
nella trilogia Mozart-Da Ponte di alcuni anni fa. Il Coro e l’Orchestra
sono naturalmente quelli del Teatro La Fenice di Venezia.

Die Zauberflöte è in replica tutti i giorni dal 20 al 31 ottobre (con
esclusione del giorno 26).

Dopo Venezia, Damiano Michieletto sarà impegnato a Londra, nella nuova
produzione di “Cavalleria rusticana” e “Pagliacci”, in scena alla Royal
Opera House Covent Garden dal 3 dicembre. Tra le riprese di suoi spettacoli
si segnalano “La scala di seta” di Rossini per Opera Lombardia e il
Trittico di Puccini, in scena a Copenhagen a partire dal 21 novembre.