“G. Vi racconto Gaber” di Sandro Luporini

Il primo libro raccontato da Sandro Luporini

Un altro capodanno se n’è andato…E ne sono trascorsi esattamente dieci da quello del 2003, che si portò via Giorgio Gaber con sé.

Quel Signor G. che riuscì a conciliare la sua dimensione musicale con quella di un autentico interprete teatrale, proponendosi come uno dei maggiori protagonisti dello spettacolo e della cultura italiana. Ora, ad aprirci le porte sulla sua storia, esce il 2 gennaio, “G. Vi racconto Gaber”: il libro-evento proposto dalla Fondazione Gaber e edito da Mondadori.

A raccontare Gaber è lo storico amico e coautore, nonché alter ego del cantautore, Sandro Luporini. Dopo tanti anni, Luporini rompe il suo ormai leggendario riserbo, raccontando le storie, i dubbi e le idee che stavano all’origine del successo, e i particolari della vita di un uomo fuori dal comune. I due collaborarono dal 1970 fino agli ultimi lavori discografici La mia generazione ha perso e Io non mi sento italiano (postumo). Parlare di Gaber, per Sandro Luporini è sempre stato uno grande sforzo, al punto che nella puntata speciale di Che tempo che fa? del prossimo 21 gennaio Luporini apparirà, ma senza parlare.

La figlia di Gaber, Dalia (Presidente della Fondazione Gaber), durante un’intervista spiega del sodalizio tra i due: «Un rapporto umano e professionale unico, una totale complicità. L’incontro tra due intelligenze. Il confronto tra due spiriti liberi che si prefissavano di raccontare il sentire dell’essere umano. Il libro racconta il percorso filologico del loro lavoro, e i capitoli portano i titoli degli spettacoli».

Per commemorare il decennale della scomparsa di Gaber, a novembre 2012 è stato pubblicato “…io ci sono”, un cofanetto di tre cd che raccoglie cinquanta brani interpretati dai nomi più importanti del panorama italiano (eccetto Patti Smith): Celentano, PFM, Morgan, Arbore, Dalla, Cremonini, Jovanotti, Battiato e altri.

Il tributo si è rivelato il più grande mai realizzato in Italia.