Gli artisti di Unika a Sabbioneta

Creatività gardenese al Forum Artis Mvsevm

Al Forum Artis Mvsevm di Sabbioneta trentacinque artisti della Val Gardena espongono le loro opere. “Unika” è il titolo della rassegna, un’idea davvero curiosa quella di esporre nella pianura mantovana sculture provenienti dalle Dolomiti, opere che permettono al visitatore di entrare in contatto con l’aspetto sacro e profano di una comunità. L’arte dell’intaglio del legno è una passione che impegna da centinaia di anni gli abitanti della Val Gardena. In un ambiente protetto dal resto del mondo, custode di tradizioni e una propria lingua, nasce una poesia primitiva – non da intendersi come rozza – ma come originaria. Detto ciò la Val Gardena non è un luogo isolato, anzi, molte opere esposte in mostra interpretano il mondo contemporaneo.

Unika in realtà è il nome dell’associazione nata nel 1994 dall’unione di un gruppo di artisti che si riconoscevano quali eredi della lunga tradizione di lavoratori del legno. Questo mestiere, iniziato nelle fredde sere d’inverno con pochi strumenti e semplici modelli, con il passare degli anni si è trasformato da semplice passatempo a vera e propria arte. Fantasia, conoscenza e anni di esperienza hanno portato alla creazione di manufatti raffinati, sculture e bassorilievi prodotti dall’unione tra tradizione e innovazione.

Gli artisti di Unika sono molto diversi tra loro, vi è chi predilige uno stile arcaico e chi reinterpreta la statuaria medievale mentre altri trasmettono in forme sinuose e dolci tematiche sacre. Vivendo in un luogo a stretto contatto con la natura questi artisti sono diventati attenti osservatori del loro ambiente, in mostra sono presenti vivaci ritratti della fauna del luogo ad opera di Adolf Vinatzer e Rifesser Oswald, paesaggi nostalgici di Sigmund Holzknecht e “nature morte” di Demetz Giovanni Sulé.
La maggior parte delle opere esposte sono figurative, ritratti della quotidianità che presentano scene di vita reale o desideri e sogni trasformati in materia.
L’astrazione è presente in mostra nelle opere di Walter Pancheri, mentre sfuma nei quadri di Andrea Perathoner attraverso motivi floreali dal sapore klimtiano.
Legno di castagno, noce, tiglio, sequoia… così come bronzo e pietra vengono trattati e modellati in ogni forma, originale l’utilizzo della pietra nera Bellerophon da parte di Otto Piazza.
La capacità espressiva di questi materiali antichi conduce lo spettatore in un viaggio a ritroso nel tempo, nelle epoche remote dei volti sospesi di Vinzenz Senoner. Gli artisti interpretano l’umanità in tutte le sue sfaccettature, dove alcuni vedono uomini e donne sferici e spensierati altri realizzano silhouette filiformi che si elevano sull’orizzonte della storia. Peculiari le opere dello scultore Gerald Moroder, egli riesce a dimostrare l’intensità dell’esistenza umana attraverso l’impasto della dura materia.

Questo progetto di divulgazione delle opere degli artisti gardenesi conferma l’importanza della conservazione dell’artigianato artistico. Gli artisti di Unika solitamente espongono le loro opere durante l’estate alla rassegna di Ortisei, ma questa primavera, grazie alla collaborazione con la Contemporart di Nonantola (Modena), sono in trasferta nella città di Sabbioneta. Fino a fine aprile chi si recherà in questa città dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO potrà scoprire la realtà di Unika, un’associazione di artisti che interpreta il mondo attraverso materiali antichi.

“Gli artisti di Unika a Sabbioneta”
Sabbioneta (Mantova), Forum Artis Mvsevm
ex Convento dei Servi di Maria, Piazza Libreria Grande, 1
28 marzo – 23 aprile 2015
Artisti: Livio Comploi, Thomas Comploi, Diego Deiana, Fabian Demetz, Lorenz Demetz, Georg Pilat Demetz, Giovanni Demetz Sulé, Armin Grunt, Christian Stl Holzknecht, Sigmund Holzknecht, Norbert Insam de Trëbe, Klaus Insam, Adolf Andreas Kostner, Matthias Kostner, Filip Moroder Doss, Gerard Moroder, Gregor Mussner, Hubert Mussner, Josef Mussner Zorz, Walter Pancheri, Andrea Perathoner, Eric Perathoner, Roland Perathoner, Samuel Perathoner, Stefan Perathoner, Ivo Piazza, Otto Piazza, Oswald Rifesser, Alfons Ruggaldier, Fabrizio Senoner, Klaus Senoner, Richard Senoner, Vinzenz Senoner, Egon Stuflesser, Adolf Vinatzer.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10,00 alle 12,30 e dalle 15,00 alle 18,30
Ingresso: libero
Informazioni:
Contemporart: tel. 059 541129 – contemporart@contemporart.it
Unika: mob. 339.1792227 – info@unika.org – www.unika.org