“Hedy Lamarr” di Ruth Barton

La vita e le invenzioni della donna più bella della storia del cinema

Ruth Barton racconta vita, invenzioni e passioni di Hedy Lamarr. Ruth Barton è un’insegnante di cinema al Trinity College di Dublino e non è la prima volta che prende in mano una penna per scrivere un libro. Ha già pubblicato alcune monografie sulla storia del cinema irlandese, ma questa volta voleva fare qualcosa di diverso: raccontare la vita e le invenzioni di Hedwig Eva Maria Kiesler, in arte Hedy Lamarr, da molti considerata la più bella donna nella storia del cinema.

E così Ruth si è munita di perspicacia, pazienza, passione ed anche tenerezza nei confronti della sua eroina, affrontando infinite ricerche per scoprire tutto e più di tutto su di lei: come e dove nacque, come crebbe, di chi si innamorò e chi, d’altra parte, fu ammaliato da lei, come entrò in punta di piedi nel mondo del cinema e molto altro.

La storia che la Barton racconta non è una semplice “vita da attrice”, perché lei, Hedy, non fu una semplice attrice. Le sue esperienze e le sue prodezze potrebbero sembrare racconti di fantasia, se non fosse per il fatto che tutto è documentato e trascritto: perché è accaduto davvero.
Fu Hedy, ad esempio, a spogliarsi per la primissima volta nella storia del cinema davanti alle telecamere (il film in cui lo fece è Estasi ed era il lontano 1933). Fu sempre lei a viaggiare in lungo e in largo per il mondo, nascendo a Vienna, per poi finire a Berlino e infine a Hollywood, vittima, come molti altri, delle repressioni naziste.

Ma l’aspetto forse più curioso della sua vita e della sua figura di donna sta nel fatto che, ben lungi dall’essere soltanto un’attrice, Hedy era anche una scienziata. Insieme al compositore George Antheil brevettò addirittura un innovativo e rivoluzionario sistema di modulazione per la codifica di informazioni da trasmettere su frequenze radio. La sua scoperta ebbe ripercussioni enormi nella tecnologia moderna, a cominciare dagli attuali sistemi di crittografia utilizzati per telefonini e wireless.

Neppure la sua vita privata fu banale e scontata: si sposò ben sei volte con personaggi tra i più vari ed ebbe da essi tre figli. Bellissima, sapeva come usare le sue armi per ottenere dagli uomini tutto ciò che desiderava. Non è un caso infatti se la Castelvecchi editore, che ne pubblica la monografia, abbia scelto come sua massima da stampare sul retro: “Non è difficile diventare una grande ammaliatrice: basta restare immobile e recitare la parte dell’oca”.

In realtà Hedy era ben altro. Il libro della Barton ci permette proprio di scoprire chi realmente fosse questa donna così complicata e amata, la cui vita è un intreccio di avventure, passioni, fughe ed episodi dalle tinte più o meno fosche.

Con la traduzione di Claudio Mapelli, Hedy Lamarr. La vita e le invenzioni della donna più bella della storia del cinema è un gioiello letterario per quanto riguarda il panorama cinematografico, pubblicato nella collana “I Timoni” della Castelvecchi editore. Lo trovate in libreria, con una bella immagine in bianco e nero di Hedy in copertina.

Ruth Barton, Hedy Lamarr. La vita e le invenzioni della donna più bella della storia del cinema. Castelvecchi Editore, 2011, pp. 384, € 18,50.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBlu-ray: “L’ultimo terrestre”
Prossimo articoloDISCOVERY SCIENCE, DISCOVERY TRAVEL&LIVING e REAL TIME IN HD
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.