“INFESTATION” di Kyle Rankin

Insect Apocalypse

Un divertente ragazzo di nome Cooper sta per essere licenziato, ma un suono assordante interrompe il fatidico colloquio con il datore di lavoro. Dopo essersi ripreso dall’improvviso frastuono, il baldanzoso protagonista si ritrova ingabbiato in un bozzolo e scorge un gigantesco insetto nero fra le scrivanie dei suoi colleghi. Cooper sfida il mostruoso animale e cerca di liberare dai bozzoli più persone possibili per contrastare efficacemente l’insetto.
Ben presto, il ragazzo e le altre persone da lui risvegliate realizzano cosa sia accaduto in città: enormi stercorari e aracnidi hanno immobilizzato l’intera popolazione e trasformano in loro simili tutte le persone che riescono a pungere.
Impauriti dalla potenza degli animali, i protagonisti affrontano la situazione con astuzia e tenacia, non senza subire dolorose perdite.

Grazie alla capacità di immobilizzare le vittime in bozzoli e di tramutarle in riprovevoli creature, insetti di incredibili dimensioni si sono impadroniti della città.
Cooper è un ragazzo incapace di combinare qualcosa di buono: nonostante il padre gli abbia procurato un comodo lavoro in un ufficio, il ragazzo è riuscito in breve tempo a perdere la fiducia del capo e sta per essere licenziato. Proprio durante i suoi ultimi istanti lavorativi, il giovane protagonista perde i sensi e si risveglia imprigionato in un bozzolo biancastro, mentre un orrendo insetto si aggira nell’ufficio.
Liberatosi dall’involucro, Cooper inizia a pensare ad un piano per affrontare la situazione.
Uscita all’esterno dell’edificio per aiutare la figlia, la Direttrice dell’ufficio in cui lavora il protagonista viene assalita da un disgustoso insetto volante, che la rapisce e la trasporta verso il covo dei temibili animali. Disperata per il rapimento della madre, l’affascinante Sara si aggiunge alla comitiva guidata da Cooper ed inizia così un pericoloso viaggio con lo scopo di ritrovare il proprio genitore.

Le enormi e spietate creature sembrano avere la meglio sugli eroi del film, ma il coraggio e la perseveranza del gruppo riequilibrano le sorti del conflitto.
La tragica e assurda situazione vissuta dai protagonisti è contornata da una trama ricca di colpi di scena: la tensione attorno alla missione di Cooper e compagni aumenta col passare del minuti, mentre la complicità fra il ragazzo e Sara sembra aumentare parallelamente al numero di ragni abnormi eliminati dalla coppia.
Nonostante la drammaticità degli eventi, dialoghi spigliati e divertenti rendono l’opera dello statunitense Kyle Rankin irresistibile e coinvolgente. L’epico scontro finale, contraddistinto anch’esso da un sottile elemento di originale comicità, è l’esempio più alto del magistrale uso degli effetti speciali digitali, molto ricorrenti nel film ma mai superflui e narrativamente ingombranti.
Infestation colpisce quindi per il pregevole equilibrio trovato dal regista di Portland, eccellente nel dosare l’utilizzo di effetti speciale e nell’offrire un risvolto divertente e più comedy alle vicende.

INFESTATION
Regia: Kyle Rankin
Con Christopher Marquette, Brooke Nevin, Linda Park, Wesley Thompson, Kinsey Packard.
Durata: 91 min.
Nazione: USA
Anno: 2009

CONDIVIDI
Articolo precedente“ARIVA AL ZIO”, A CALCARA SI RIDE IN DIALETTO
Prossimo articolo“Recital” di Corrado Guzzanti
Avatar
Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Giornalisti del Veneto dal 2010. Vincitore del concorso di critica cinematografica "Premio Alberto Farassino" nel 2008 e selezionato fra gli autori pubblicati nel volume "53 esordi critici" (ed. Lampi di stampa, 2009), collabora con la rivista online NonSoloCinema dall'autunno del 2007. Appassionato di cinema classico, ha concentrato l'attività di collaborazione per la Sezione Cinema partecipando come inviato a numerosi festival cinematografici. Dal 2009 è Presidente dell'associazione culturale Cineforum Labirinto, aderente al CINIT - Cineforum Italiano, che organizza proiezioni, corsi e incontri cinematografici nella città di Treviso.