“IT’S ALL ABOUT TO TELL” DEI PHIDGE

Il rock italiano che guarda oltre i confini

Il primo album del gruppo rock dei Phidge esce per l’etichetta Riff, conosciuta per l’attenzione che riserva ai gruppi emergenti. E anche questa volta a risaltare è la qualità della musica proposta.

Come molte altre band italiane anche i Phidge utilizzano come lingua delle loro canzoni l’inglese, un modo per poter lanciare davvero uno sguardo oltre i confini dell’Italia, sia per attingere a sonorità diverse sia per farsi conoscere da un pubblico diverso. Non si tratta certo di esterofilia, è solo una necessità che molte band sentono.

It’s all about to Tell ha tutte le carte in regola per conquistarsi il suo pubblico ed è figlio di una bellissima collaborazione “italo-americana”, infatti è stato prodotto, registrato e mixato da Bruno Germano ai Vacuum Studios di Bologna tra gennaio e aprile 2007, mentre il mastering è stato affidato a Carl Saff dei Saff Mastering Studios di Chicago. Le dieci tracce del disco si snodano come un bel discorso piacevole e intrigante. Dawning Disaster, la traccia di apertura, mostra subito l’intento di incidersi nella mente dell’ascoltatore, grazie al riff iniziale e a un ritornello accattivante. Nelle altre tracce le sonorità rock vengono arricchite e smussate a tratti da atmosfere sognanti e rarefatte che se da un lato danno spessore all’intero disco, dall’altro fanno risaltare le parti più dure, come in O-Ren Ishii, Colors, Somewhere Else.

Dopo la presentazione ufficiale dell’album al Covo Club di Bologna dell’undici gennaio scorso, i Phidge suoneranno in molte città come Ora (BZ), Merano, Udine tra marzo e aprile, quindi non mancheranno le occasioni per sentirli dal vivo.

www.myspace.com/phidge
www.riffrecords.it
Formazione:
Dodi: voce, chitarra
Nick: basso
Fedro: chitarra
Simon: batteria

Tracklist:
1. Dawning disaster
2. O-Ren Ishii
3. A Sudden spring night
4. The Bloke
5. Colors
6. Spies
7. Still the same
8. Waves (rolling under)
9. Sparrows on a wrong day
10. Somewhere Else