Il Teatro Toniolo di Mestre festeggia i 30 anni di carriera di Luca Carboni

Seconda tappa del "Fisico & Politico Tour" a Mestre

«Grazie Mestre», sono queste le due parole più ricorrenti nell’ora e mezza di concerto di Luca Carboni, giovedì scorso al Teatro Toniolo per la seconda tappa del “Fisico & Politico Tour”. Il titolo riprende il nome del suo ultimo album, in cui il cantautore bolognese ha riproposto alcuni dei suoi maggiori successi, in duo con importanti nomi del panorama musicale italiano.

La scaletta del concerto è in effetti un autentico tuffo nel passato, in cui le incursioni nel terzo millennio sono ridotte all’osso.
Ad affiancare Carboni sul palco sono Vincenzo Pastano alle chitarre, Fulvio Ferrari alle tastiere, Ignazio Orlando al basso, Antonello Giorgi alla batteria e, per alcuni pezzi, Christian Riganò al piano.

Ad aprire la serata è La mia città brano del ’92, nel nome del gusto un po’ retrò a cui accennavamo prima. Sempre su questa scia si inserisce Fragole buone buone, pezzo risalente al primo disco di Carboni, scritto nel lontano ’84 a quattro mani con il frontman degli Stadio Gaetano Curreri.

Non possono mancare, naturalmente, alcuni dei maggiori successi del cantautore bolognese, che alterna momenti di malinconia, come Silvia lo sai, a brani più rock, Solarium e Ci vuole un fisico bestiale.
Ma Carboni trova anche il tempo di omaggiare alcuni artisti della sua terra, l’Emila Romagna. Prima, cantando C’è sempre una canzone, brano scritto per lui da Luciano Ligabue e inserito nel recente Fisico & Politico, poi duettando con Alberto Bertoli, figlio di Pierangelo, sulle note di Eppure soffia. Infine, nel primo bis, con un immancabile tributo a Lucio Dalla con Piazza Grande mentre sullo sfondo scorrono le immagini dell’indimenticabile cantautore bolognese e in sala scrosciano gli applausi. Applausi che sarebbero terminati solo sulle note finali di Vieni a vivere con me, ultimo brano del concerto.

Ecco la scaletta del concerto al Teatro Toniolo di Mestre:

Primo tempo

1) La mia città
_ 2) Ci stiamo sbagliando
_ 3) Questa sera
_ 4) Sarà un uomo
_ 5) Le nostre parole
_ 6) Solarium
_ 7) Dimentica
_ 8) Persone silenziose
_ 9) C’è sempre una canzone (di Ligabue)
_ 10) Eppure soffia

Secondo tempo

11) Primavera
_ 12) Gli autobus di notte
_ 13) Silvia lo sai
_ 14) Farfallina
_ 15) L’amore che cos’è
_ 16) Inno nazionale
_ 17) Mi ami davvero
_ 18) Fragole buone buone
_ 19) Ci vuole un fisico bestiale

Bis

20) Piazza grande
_ 21) Mare mare
_ 22) Vieni a vivere con me

CONDIVIDI
Articolo precedenteCannes 2014: “Grace di Monaco” di Olivier Dahan
Prossimo articoloThe Voice of Italy: le voci che passano al terzo live
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, quarto anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base e Young.it. Giornalista pubblicista. Attualmente scrivo per Spettakolo.it.