“Infamous” di Douglas Mc Grath

L’attimo Struggente

Orizzonti
“Infamous”, presentato alla Mostra del Cinema Di Venezia nella sezione “Orizzonti”, racconta un episodio chiave della vita del controverso scrittore Truman Capote, legato alla stesura di quello che viene definito il suo capolavoro, “A Sangue Freddo”, opera che inaugura un nuovo genere di reportage letterario, romanzato.

Pochi incontri, per lo più per fini professionali, e poi l’inizio della fine. L’inizio della fine di una vita tutta dedita agli avvenimenti mondani, fatta di feste nell’alta società, pettegolezzi, stravaganze edoniste esibite orgogliosamente. L’inizio della fine della creatività di uno scrittore, che realizza il suo romanzo migliore, ma che ne viene talmente coinvolto da non riuscire più a scrivere.
Pochi incontri destinati a cambiare per sempre l’atteggiamento del protagonista nei confronti della vita. E della morte.

Il 16 novembre 1959 Truman legge sul New York Times un articolo su un efferato omicidio ai danni di una facoltosa famiglia del Kansas. I colpevoli vengono ben presto arrestati, così lo scrittore decide di scrivere un libro su quell’avvenimento, raccogliendo le testimonianze degli stessi assassini. Gradualmente il registro del film cambia, in concomitanza all’evolversi del rapporto tra Truman e uno degli assassini, Perry Smith.

La prima parte del film ha i tratti della commedia brillante, quasi macchiettistica, ed è incentrata sul personaggio Capote così come si pone nel Jet Set dell’alta società, dov’è protagonista grazie al suo spirito irriverente e alla sua intelligenza brillante.
Gradatamente il tono del film diventa sempre più drammatico, man mano che gli incontri con Perry si fanno più coinvolgenti: Perry come Truman è stato abbandonato dai genitori, quando era piccolo. Anche sua madre è morta suicida. Come Truman, Perry ama l’arte ed ogni sua espressione. Così i due si scoprono anime affini, nonostante le differenze: un acclamato scrittore e un assassino condannato alla pena di morte.

La realizzazione del libro sull’omicidio compiuto da Perry coincide con la svolta umana e artistica di Capote, che riesce a sublimare, attraverso l’opera letteraria, le contraddizioni e le sofferenze umane fino ad immedesimarsi con l’assassino del suo libro. Dopo la sua condanna a morte, Perry assume per Capote un volto talmente umano da suscitarne irrimediabilmente il permanente lutto artistico.

Infamous
Titolo originale: Infamous
Nazione: U.S.A.
Anno: 2006
Genere: Biografico, Drammatico
Durata: 118’
Regia: Douglas McGrath
Sito ufficiale:
Cast: Toby Jones, Sandra Bullock, Daniel Craig, Peter Bogdanovich, Jeff Daniels, Gwyneth Paltrow, Isabella Rossellini, Sigourney Weaver
Produzione: Warner Independent Pictures, Killer Films, Texas Avenue Films, John Wells Productions
Distribuzione: Warner Bros
Data di uscita: Venezia 2006