L’EFA rende omaggio a Isabelle Huppert

Sia che vesta i panni della rifugiata ebrea in Prestami il rossetto di Diane Kurys, o quelli settecenteschi di Madame de Maintenon in Saint-cyr di  Patricia Mazuy, o del  magistrato  Jeanne Charmant in L’ebrezza del potere di Claude Chabrol, Isabelle Huppert ha dato un volto ad alcuni momenti di cinema assolutamente indimenticabili. La sua assidua collaborazione con Chabrol ha portato sullo schermo personaggi come Violette Noziere, Marie in Un affare di donna, Madame Bovary e Jeanne in Il buio nella mente.

Ha lavorato in Francia e all’estero con registi come  Andrzej Wajda, i fratelli  Taviani , Jean-Luc Godard e  Michael Cimino, ma anche con  Maurice Pialat, Michel Deville, Mauro Bolognini, Marco Ferreri, Benoît Jacquot e Bertrand Tavernier. Isabelle Huppert ha praticamente vinto ogni premio, e tra i tanti anche un European Film Award per La Pianista di Michael Haneke e per Otto donne e un mistero di François Ozon, oltre a un Bafta e un David di Donatello per La merlettaia di Claude Goretta, un César, un Orso d’Oro, tre premi a Venezia e altri due a Cannes come Miglior Attrice.

Come riconoscimeto per un contributo unico al mondo del cinema, l’European Film Academy è con grande piacere che attribuisce a Isabelle Huppert il premio CONTRIBUTO EUROPEO AL CINEMA MONDIALE 2009.

Isabelle Huppert sarà uno degli ospiti d’onore della 22a Cerimonia di Premiazione degli European Film Awards, il 12 Dicembre 2009 a Bochum.

Foto a cura di Romina Greggio Copyright © NonSoloCinema.com – Romina Greggio