“LA PIETRA DEL VECCHIO PESCATORE” di Pat O’Shea

"L’incanto senza tempo dell’immaginario celtico in uno dei più grandi successi della narrativa fantastica"

P.J., chiamato Pidge, e la piccola Brigit sono due giovani fratellini vivaci e spensierati che vivono nelle verdi vallate irlandesi.
La loro è una vita semplice, scandita dai rimproveri della zia Bina, e dalle trepidanti attese dei ritorni del padre, spesso fuori casa per lavoro.

Un giorno però il giovane Pidge si ritrova tra le mani un vecchio libro, malridotto e arrivato a lui durante un improvviso e misterioso temporale, attraverso uno strano vecchietto comparso e altrettanto velocemente svanito nel nulla nella libreria in cui era finito il ragazzo.

Sarà proprio attraverso le pagine di questo misterioso libro, che sembra tenere imprigionata una energia e un potere difficile da comprendere e contenere, che Pidge e la piccola sorellina di cinque anni Brigit, vivace, coraggiosa e senza peli sulla lingua, verranno catapultati in un’avventura senza pari.

Come nella più classica tradizione celtica, cui l’autrice fa riferimento, le guide che i ragazzini incontreranno prenderanno le forme dei più svariati e bizzarri animali e personaggi, dalla simpatica e saggia somarella Serena, al Vecchio Pescatore, misterioso personaggio che si disvela lentamente nel corso della narrazione, Patsy e Boodie, simpatici amici prima, potenti forze poi, fino ad arrivare a Cutu, l’astutissima volpe che accompagnerà i piccoli eroi per gran parte del percorso nella lotta contro la terribile Moorigan, la Regina del Male a tre teste.

Terrore, spavento, meraviglia, magia cristallina rasserenante e spaventosa, inganni, labirinti, porte magiche attraverso laghi infiniti, segugi malvag,ìi, topi magicamente intrappolati in perfidi incantesimi, milioni di piccoli ingredienti che aprono le porte della fantasia sul mondo reale.

Avvincente e intrigante, il romanzo può essere destinato a un pubblico giovane come adulto, e rappresenta un classico della letteratura moderna liberamente ispirata alla più antica tradizione celtica, ricca di spunti direttamente ricercati nel gaelico.
————————————-

Pat O’Shea è nata a Galway, in Irlanda, nel 1931. Cresciuta in mezzo a storie e personaggi molto simili a quelli che s’incontrano nel suo libro, ha dedicato dieci anni alla stesura di questo suo primo romanzo. Vive attualmente a Manchester.

Pat O’Shea, “La Pietra del Vecchio Pescatore”. Edizioni: Tea, anno 1985, Pgg. 488. Lire 15.000