“Le Ossa della Principessa” di Alessia Gazzola

Un nuovo caso per il Medico Legale più simpatico di tutti i tempi

E’ tornata, finalmente, Alice Allevi, il medico legale uscito dalla penna sorprendente, mai scontata di Alessia Gazzola, con un nuovo caso da risolvere: Le Ossa della Principessa.

Dopo L’Allieva, Un Segreto non è per sempre e, il prequel, Sindrome da Cuore in Sospeso, torna Alice Allevi.
_ Il medico legale, tanto intuitivo quanto stralunato, incapace di non combinare qualche goffo guaio, ma dall’ottimo fiuto investigativo, amante dello shopping e contesa da due aitanti giovani, molto diversi tra di loro, è di nuovo protagonista di una storia intricata e appassionante.

L’autrice, Alessia Gazzola, che prima di tutto è un Medico Legale, ci regala Le Ossa della Principessa, una nuova avventura, un romanzo di investigazione, con una trama efficace e travolgente, strutturata tra grandi amori e due “gialli” che si annodano, tra ironia e Storia.
La Gazzola arricchisce la sua narrazione con una carrellata di personaggi ben caratterizzati nella loro essenzialità, descritti con innocenza e sincerità in ogni loro dettaglio; ammalia con il suo stile vivo, disinvolto, leggero, a tratti romantico, ma mai frivolo, talmente spontaneo nella sua precisione, che non può lasciare indifferenti, soprattutto per come riesce a creare e a snodare le situazioni, senza cedimenti, sempre con una tensione emotiva e un amore viscerale per il suo lavoro, che coinvolge il lettore dalla prima all’ultima pagina.

Alla fine del secondo romanzo, abbiamo lasciato la nostra Alice in Giappone, dove era andata a trovare la sua ex coinquilina Yuchino, mentre leggeva un messaggio allarmante di una sua collega, che la avvisava della sparizione di Ambra.

Ambra Negri Della Valle, o meglio la collega carogna per antonomasia, “l’ape regina”, la beniamina dell’Istituto di Medicina Legale, è scomparsa, senza lasciare traccia.
Contestualmente, durante gli scavi in un campo, viene rinvenuto uno scheletro con a fianco una coroncina di plastica. Sul posto, allarmati, pensando ad Ambra, accorrono Alice e Claudio Conforti, affascinante “sciupafemmine”, sogno segreto di tutte le studentesse di Medicina Legale, ex di Ambra e in corso di un complicato rapporto con la nostra protagonista. Dopo le prime indagini, si scopre che le ossa appartengono a una giovane studentessa di archeologia, scomparsa da casa, qualche anno prima: Viviana Montosi.
_ Indagando sull’omicidio di Viviana, insieme all’ispettore Calligaris, che nutre per la specializzanda Allevi un futuro in Polizia, si scopre che la vittima era stata, ai tempi del ginnasio, la migliore amica di Ambra, poi si erano allontanate. La faccenda si infittisce, quando Alice scopre, leggendo le mail di Viviana, che le due si erano riavvicinate, dopo che la vittima era tornata da un’importante missione a Gerico, dove aveva rinvenuto le ossa di una principessa.
_ C’è un legame tra la scomparsa di Ambra e il ritrovamento del corpo di Viviana? Perché Ambra è stata in Israele tempo prima e soprattutto dov’è ora e perché o da chi si nasconde? Ma soprattutto, cosa subirà il cuore di Alice, in sospeso tra il fotoreporter assetato di libertà, Arthur, e il playboy Claudio?

Le Ossa della Principessa lascia il lettore con “il cuore – e la mente – in sospeso” fino all’ultima pagina.

Alessia Gazzola, Le Ossa della Principessa, ed La Gaia Scienza – Longanesi, 2014, pp 346, €17.60