“Lucia di Lammermoor alle Terme di Caracalla”

Il 18 luglio alle 21, torna a Caracalla una delle opere più celebri di Donizetti

Torna alle Terme di Caracalla il titolo che tenne a battesimo la stagione estiva del Teatro dell’Opera il lontano 1° agosto del 1937: dopodomani venerdì 18 luglio, alle ore 21, grande attesa per Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti con l’Orchestra e il Coro del Teatro.

Lucia ama Edgardo e ne è riamata, ma con l’inganno il fratello Lord Enrico Ashton la convince a sposarsi con il potente Lord Arturo. Quando scopre la violenza psicologica patita, Lucia impazzisce, uccide il marito, si lascia andare lei stessa alla morte. Il melodramma romantico trova una delle più felici espressioni nel dramma tragico in due parti, su libretto di Salvatore Cammarano, ispirato dalle trame di Walter Scott trasportate a fine ‘500. I primi ad ascoltarla furono i napoletani, al San Carlo, il 26 settembre 1835.

A Caracalla andrà sul podio Antonello Allemandi. Maestro del Coro è Andrea Giorgi. La regia del nuovo allestimento è firmata da Pier Francesco Maestrini. Le scene e i costumi sono di Carlo Savi. Il disegno luci è curato da Patrizio Maggi. Il soprano francese Annick Massis impersona la languida protagonista (nell’ultima recita si alterna Ilaria Del Prete). Roberto Frontali e Giovanni Meoni si avvicendano nella parte di Enrico, Stefano Secco e Maurizio Graziani in quella di Sir Edgardo. Enzo Peroni interpreta Lord Arturo Buklaw (Francesco Paolo Panni nell’ultima recita). Quattro le repliche: domenica 20, mercoledì 23, martedì 29 e giovedì 31 luglio. Sempre alle 21.

www.operaroma.it