Malika Ayane presenta “Grovigli”

Una voce che sa di calicanthus

A pochi giorni dall’inizio del Festival di Sanremo in cui è data tra i favoriti, Malika Ayane ha convocato i giornalisti nella sede della sua casa discografica, la Sugar, per presentare Grovigli, il suo secondo album, che tra i dodici pezzi – cantati parte in italiano e parte in inglese – contiene anche Ricomincio da qui, che sarà in gara a Sanremo.

È una canzone ispirata a una poesia di Jacques Prevert (Déjeuner du matin): come dice la stessa cantante, se “le canzoni d’amore di solito parlano dell’inizio o della fine, in genere non considerano quel momento particolare in cui tutto è in bilico” ed è su questo momento che si concentra la canzone, la cui musica, come molte altre del disco, è del produttore-arrangiatore Ferdinando Arnò, con cui Malika Ayane collabora fin da quando cantava jingle pubblicitari. Con Arnò, dice la Ayane, è stato, fin da subito, “un colpo di fulmine musicale: io rappresentavo vocalmente quello che lui desiderava e lui è sempre riuscito a costruire arrangiamenti che mettono in risalto la mia personalità e la mia voce”.

Se gli archi di Ricomincio da qui sono tipicamente sanremesi, più insoliti appaiono quelli (arrangiati da Alexander Balanescu, leader del Balanescu Quartet, collaboratore di Michael Nyman) nella cover di Chiamami adesso, un pezzo di Paolo Conte (“ogni volta che l’ascoltavo piangevo sempre”). Introducendo l’incontro con la stampa, Caterina Caselli ha mostrato una breve lettera inviatale dallo stesso Conte: lo chansonnier di Asti ritorna sulla definizione – “il colore di questa voce è un arancione scuro che sa di spezia amara e rara” – che aveva dato qualche tempo fa di Malika Ayane (per la quale aveva già scritto Fandango, incluso nel cd d’esordio), dicendo che “adesso vi aggiungo il calicanthus che fiorisce d’inverno, un profumo che ti porta lontano”. Paolo Conte è presente – in qualità non solo di autore, ma anche di cantante (e questo è una rarità) – in un altro pezzo del disco, Little brown bear.

Altra presenza come autore e co-interprete è quella di Cesare Cremonini, che firma la beatlesiana Just believe in you. Pacifico, che già aveva collaborato con Malika, firma assieme alla cantante il testo del pezzo sanremese, mentre Luca Gemma (proveniente, come Pacifico, dai Rossomaltese) firma le liriche di Mille, un pezzo di sapore ska. Nel disco è presente anche il brano che accompagna i titoli di coda dell’ultimo film di Paolo Virzì, La prima cosa bella. La cantante confessa che non aveva mai sentito la canzone di Nicola Di Bari prima che le proponessero di reinterpretarla. Al primo ascolto, poi, “ho avuto un momento di panico: mi sono chiesta cosa c’entrassi io con quel brano”. Del risultato, dice di essere soddisfatta: “anche Virzì è rimasto stupito di come il brano avesse assunto un abito così differente dall’originale”.

Il titolo del disco, Grovigli, è quello di una “canzoncina che avevo scritto io, ma che non abbiamo avuto il tempo di produrre come meritava” e che quindi alla fine non è stata inserita nella tracklist (“come i Doors, che non inserirono il brano Waiting for the sun sull’album Waiting for the sun”). Grovigli è però rimasta come titolo dell’intero cd “perché è una parola che mi sembrava riassumesse bene la diversità dei brani e l’intensità dell’ultimo anno”.

La cantante firma come autrice i testi di Ricomincio da qui, di Satisfy my soul e di Sogna. Per il momento, dice di non sentirsi ancora pronta a firmare le musiche: “ci ho messo molto tempo ad avere il coraggio di pubblicare parole mie. Per la musica il percorso è ancora più difficile. Devo superare l’insicurezza cronica di non fare bene”. Finché, poi, a scrivere le musiche è Paolo Conte, si può anche aspettare.

Tracklist
1. Ricomincio da qui (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Malika Ayane – Gino De Crescenzo Pacifico)
2. Thoughts and clouds (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Ferdinando Arnò – Sandy Chambers)
3. La prima cosa bella (music by Gianfranco Riverberi – Nicola di Bari, lyrics by Mogol)
4. Brighter than sunshine (music and lyrics by Ferdinando Arnò)
5. Little brown bear, feat. Paolo Conte (music and lyrics by Paolo Conte)
6. Mille (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Luca Gemma)
7. Outro (Ricomincio da qui) (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Malika Ayane – Gino De Crescenzo Pacifico)
8. Satisfy my soul (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Malika Ayane)
9. Chiamami adesso (music and lyrics by Paolo Conte)
10. Sogna (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Malika Ayane)
11. Reprime (Sogna) (music by Ferdinando Arnò, lyrics by Malika Ayane)
12. Just believe in love, with Cesare Cremonini (musica and lyrics by Cesare Cremonini)