Marin Marais et Antoine Forqueray. L’Ange et le Diable

Suggestioni barocche al teatro Sperimentale di Ancona grazie alla lettura appassionata ed illuminante dell’angelo Marin Marais e del diavolo Antoine Forqueray da parte di Jordi Savall, Rolf Lislevand e Luca Guglielmi.

Nuovo appuntamento sabato 15 dicembre al Teatro Sperimentale di Ancona con la stagione concertistica 2007/2008, organizzata dall’Associazione Amici della Musica Guido Michelli, dedicato alla musica antica attraverso l’illuminante lettura di tre artisti di riconosciuto valore. Jordi Savall da diversi anni ormai si è accreditato all’attenzione dei cultori della materia come un instancabile interprete di eventi musicali legati alla fruizione e alla divulgazione del repertorio per viola da gamba. Si tratta di uno strumento che egli ha recuperato nel lontano 1970 dalla polverosa soffitta della storia, ove era stato a lungo dimenticato.

Affetto da un religioso amore per il patrimonio musicale e testuale della Spagna, alla cui esplorazione si è lungamente dedicato con l’avidità di un sapiente umanista, si è imposto come violista, autore ed esecutore di un vasto repertorio che spazia dal Medio Evo fino agli inizi dell’Ottocento. Alterna inoltre alla sua intensa attività concertistica e discografica un’azione divulgativa e pedagogica tesa all’affrancamento della musica antica dal luogo comune che la vuole minoritaria o elitaria. Numerosi sono gli ambiti riconoscimenti che ha ottenuto nel corso della sua prestigiosa carriera.
Il norvegese Rolf Lislevand, è uno dei più celebri liutisti dell’età contemporanea per la sua imponente discografia legata prevalentemente al repertorio per liuto e chitarra solista della scuola francese del Seicento, ma dedicata anche alla musica di J. S. Bach e Gaspar Sanz. Presente in numerosi Festival internazionali in veste di Direttore di ensemble barocche, si esibisce anche in veste di solista, rivelandosi un interprete estremamente fedele allo stile originale dell’epoca. Luca Guglielmi, allievo di Jordi Salvall, clavicembalista, organista, compositore e direttore d’orchestra ha debuttato a Torino nel 2001 con la Petite Messe Solenenelle di Rossini e nel 2002 con il Requiem di Mozart. Ha costituito recentemente un ensemble con strumenti originali per l’esecuzione rigorosamente storicizzata della musica dal 1400 al 1800, dal nome Concerto Madrigalesco. Il concerto dal titolo Marin Marais et Antoine Forqueray. L’Ange et le Diable si è articolato su brani tratti non solo dal ricco repertorio dei due compositori citati ma anche da quello di François Corbet, Mr. De Sainte Colombe le fils, e François Couperin.

Di Marin Marais, l’Ange, sono stati eseguiti il Prelude, la Mulette, i Menuets e la Sautillante, una Suite rilucente di note armoniche che solca l’aria con l’impagabile grazia di un alto livello di raffinatezza formale e che non ha equivalenti nelle omologhe composizioni del periodo barocco. Il programma è stato inframezzato da le Caprice de Chaconne et Folie di François Courbet al vertice della letteratura chitarristica dell’omonimo periodo. Poi la musica si è adagiata sulle note difficili e al tempo stesso delicate di un ulteriore virtuoso della viola da gamba, il figlio del prestigioso maestro Sainte Colombe, di cui è stata proposta La Fantasie en Mi. Il concerto si chiude sulle note del Portaits Musicaux di Fournay introdotte dall’omaggio tributato al grande virtuoso della viola da parte del clavicembalista François Couperin. La musica del Diable si rivela meno affine alla sensiblerie francese e più aderente al gusto innovativo italiano, la sonorità è più piena e ricca ma anche delicata e di una freschezza impagabile, capace di trasmettere suggestioni emotive meno rare ma più intense.

JORDI SAVALL viola da gamba
ROLF LISLEVAND tiorba e chitarra
LUCA GUGLIELMI clavicembalo
Teatro Sperimentale di Ancona
15.XII.2007