“Microlux” al Kestè Napoli

Con i Microlux prendono il via gli appuntamenti di K-Electro

Ancora una novità arricchisce la fitta e articolata programmazione mensile del Kestè Napoli (Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli), che, a partire dal mese di marzo, lancia due nuovi appuntamenti mensili, due venerdì interamente dedicati alla musica elettronica e dintorni.
Ogni serata di K-Electro, questo il titolo dato al ciclo di ‘incontri’ musicali, proporrà un esclusivo live set, seguito da un dj set perfettamente in linea con il concept della serata.
L’inaugurazione di K-Electro, venerdì 13 marzo 2009 alle ore 22.45 è affidata al live set dei Microlux, un progetto musicale nato dall’incontro di Fabio Colasanti e Linda Edelhoff. Nel 2004 il duo inizia a comporre i suoi primi brani caratterizzati da semplicità di scrittura, linearità melodica ed sonorità asciutte, utilizzando, per questo, solo una chitarra acustica e pochi elementi elettro-noise. Successivamente, il duo elettronico priva il suo sound dell’elemento acustico, costruendo i suoi arrangiamenti con il solo ausilio dell’elettronica. Nonostante questa virata i Microlux conservano le strutture compositive asettiche che li contraddistingue, assumendo una connotazione stilistica molto vicina alle sonorità nordeuropee.
Il percorso artistico di Linda Edelhoff, voce e coautrice dei testi del progetto Microlux, è ricca di tappe fondamentali per la sua formazione musicale. Ha partecipato a numerose manifestazioni nazionali raggiungendo, in particolare, le vittorie di “Arezzo Wave ’97”, “No Playback ’98” e le finali del “Festival di Recanati ’98”. Fabio Colasanti, bassista, arriva da varie collaborazioni per alcuni progetti di forte matrice postpunk. A metà degli anni ‘90 crea la sua prima band, The Paxy’s Dolls, caratterizzata fortemente dal sound grezzo della new wave di Seattle e dal movimento grunge, che in quel periodo rivoluzionò la scena internazionale del post punk rock. Dopo lo scioglimento della sua band, si dedica all’arte visuale con numerose partecipazioni a mostre ed eventi con le sue installazioni e video installazioni, in cui accosta le immagini alla musica, servendosi dei computers. Ed è proprio in questi anni che matura il suo linguaggio sonoro. Attualmente i Microlux stanno ultimando la produzione del primo cd “weiße”. La serata proseguirà con il dj set di Pio Bazzano e le sue sonorità electro.
Venerdì 27 marzo il palco sarà per EleKtrOil, un progetto di musica elettronica che sfugge, in quanto a tipologia di genere, ad una precisa definizione. Il progetto nasce a terzo millennio inoltrato, a Napoli. Musica che, pur richiamandosi per allusioni e sentori a vari gruppi e musicisti capisaldi dell’elettronica, facendosi influenzare inoltre dalla brezza del rock, del punk e del post-punk, è elaborata con linee di basso, di tempo, di suoni e di armonie non riconducibili né al puro minimalismo né al traboccante massimalismo elettronico. Suonata dal vivo con basi programmate, synth e basso, le idee sono freneticamente tendenziose, volte all’esplorazione di un paesaggio di suoni che si propone come rottura e alternativa a quanto risulta fin troppo stereotipato. A tempi veloci, danzanti e dal forte impatto si alternano cadenzate e suggetive spirali sonore. I testi, elaborati con voci robotiche minimali e ripetitive, sono una pungente reazione al circostante malsano, claustrofobico, intollerante e omologante che invade a macchia tutte le nostre realtà. Attualmente cooperano al progetto: Giando C., computer programming, synth; Manlio V., basso.
A seguire, in consolle, dj Tam Pocos Los Perros, che proporrà una selezione electro-rock, new waves e electro- eighties.

Microlux, venerdì 13 marzo 2009
Kestè Napoli, ingresso libero
Gli appuntamenti di K-Electro avranno inizio alle ore 22.45
Info ai numeri 0815513984, [media@keste.it->media@keste.it] – [segreteria@keste.it->segreteria@keste.it]