“Travolti dalla cicogna” di Rémi Bezançon

Un lieto evento fatto di realismo e commedia di qualità

Se andando a vedere Travolti dalla cicogna vi lasciate influenzare dal titolo piuttosto bruttino, immaginando l’ennesima commediola superficiale, dall’umorismo e dal finale preconfezionati, rimarrete piuttosto male: il film di Remì Bezançon uscito in Francia l’anno scorso e ora distribuito nelle sale italiane a partire dal 27 luglio, ha infatti la giusta pretesa di essere qualcosa di più, pur affrontando temi non troppo originali.

La storia, riadattamento di Bezançon e Vanessa Portal del romanzo di Eliette Abecassis, Lieto evento (e in Francia si è saggiamente mantenuto lo stesso titolo, molto più appropriato), racconta lo sconvolgimento che la maternità porta nella vita di una giovane donna. La protagonista, a inizio film innamorata, spensierata e felice, verrà messa a dura prova da tutti i cambiamenti che la nascita di un figlio comporta: dal corpo che si trasforma, agli ormoni che dettano legge, dalle difficoltà a passare da coppia a nucleo familiare, al non riconoscersi più nei vecchi equilibri, pur non riuscendo a crearne di nuovi.

Fresca e originale la regia di Bezançon, che dà il meglio di sé nel punto centrale del film, quello della nascita della bambina: qui la regia racconta il fantomatico momento della rottura delle acque, attraverso una scena onirica ed elegantissima, per poi passare al realismo più esasperato nella descrizione del parto vero e proprio, così lontano dai parti di plastica che si vedono al cinema e in tv e per questo coinvolgente e capace di commuovere, quasi fosse autentico.

Forse un pubblico femminile sentirà di più sulla propria pelle le sensazioni della protagonista, di cui viene raccontato davvero tutto: magoni, ansie, confusione, rabbia, frustrazione, esasperazione del ruolo di madre e rifiuto di questo, solitudine e incapacità di farsi capire ed aiutare da chi si ha accanto. Ottimo il cast, tra cui si segnalano i due espressivi e credibilissimi protagonisti Louise Bourgoin e Pio Marmaï, e l’elegante e divertente interpretazione di Josiane Balasko, madre cinica e smaliziata, a cui toccano le battute più esilaranti.

Se nel corso della storia, si ha a volte l’impressione di avere davanti una rappresentazione un po’ esasperata della maternità, i dialoghi ben riusciti e il ritmo piacevole e mai noioso del film permetteranno facilmente di chiudere un occhio. E complice il realismo, lo spettatore non potrà fare a meno d’imbarcarsi insieme alla giovane coppia in questo viaggio difficile, perché privo di tutti i rassicuranti luoghi comuni che vengono associati a alla maternità.

Titolo originale: A Happy Event
Nazione: Francia, Belgio
Anno: 2011
Genere: Commedia
Durata: 90′
Regia: Rémi Bezançon
Sito ufficiale:
Sito italiano: www.travoltidallacicogna.it
Cast: Louise Bourgoin, Pio Marmaï, Josiane Balasko, Thierry Frémont, Gabrielle Lazure, Firmine Richard, Anaïs Croze
Produzione: Mandarin Films, Gaumont, France 2 Cinéma, Scope Pictures
Distribuzione: Videa CDE
Data di uscita: 27 luglio 2012 (cinema)