WHOOPI GOLDBERG PRESENTA IL MUSICAL SISTER ACT

Whoopi Goldberg "sono qui soprattutto perché volevo vedere il mio show con protagonista una giovane cantante nera, che recita in italiano!!!”

“I will follow Him
_ Follow Him wherever He may go,
_ And near Him, I always will be
_ For nothing can keep me away,
_ He is my destiny.”

È il Premio Oscar Whoopi Goldberg a inaugurare il 27 ottobre la stagione del Teatro Nazionale di Milano, presentando in Italia il nuovo musical Sister Act di cui è co-produttrice insieme a Stage Entertainment. Sister Act, il film di straordinario successo del ’92, è infatti diventato un musical.

I will follow Him,
_ Ever since He touched my heart I knew,
_ There isn’t an ocean too deep,
_ A mountain so high it can keep,
_ Keep me away, away from His love.

“Quando si è stati così fortunati da aver fatto parte di qualcosa di meraviglioso, è importante passare ad altri il testimone. Il modo migliore per essere ancora parte di questa nuova versione di Sister Act è quello far sapere a tutti che esiste.”
Da allora Whoopi Goldberg è sempre stata vicina allo spettacolo da Londra, dove ha vestito i panni della Madre Superiora per un numero ridotto di repliche, ad Amburgo, da Vienna a Broadway.

I love Him, I love Him, I love Him,
_ And where He goes,
_ I’ll follow, I’ll follow, I’ll follow.
_ he’ll always be my true love, my true love, my true love
_ from now until forever, forever, forever

Arriva ora a Milano il Musical di Sister Act. Incredibile e strepitoso successo soprattutto se teniamo conto del fatto che si tratta di suore che cantano odi religiose.
Sister Act racconta l’incredibile avventura della scatenata cantante di night club Deloris Van Cartier, che sogna di sfondare nel mondo della musica. Quando, suo malgrado, diventa la scomoda testimone di un omicidio, la Polizia decide di metterla sotto protezione nell’ultimo posto al mondo in cui chiunque penserebbe di cercarla: un Convento! Qui, sotto le mentite spoglie di Suor Maria Claretta, Deloris faticherà non poco per adattarsi alle rigide regole di comportamento imposte dalla rigorosissima Madre Superiora, ma finirà per conquistare tutti e per stringere un solido legame di amicizia con le Sorelle, trasformando uno stonato coro di suore nel più straordinario fenomeno musicale della città.

I will follow Him,
_ Follow Him wherever He may go,
_ There isn’t an ocean too deep,
_ A mountain so high it can keep,
_ Keep me away, away from His love…

Chi non è uscito dal cinema con il cuor leggero, canticchiando, sgambettando, provando goffamente a imitare qualche soffice coreografia di Sister Act?
Il Musical promette divertimento, allegria, spensieratezza e tanta emozione. Uno script completamente nuovo, rispetto a quello di Londra e Broadway, che ha necessitato di otto settimane di preparazione, per la regia di Carline Brouwer, e l’autorevole firma di Franco Travaglio per l’adattamento, italiano, di testo e liriche.
È arrivata a presentarlo, qui a Milano, la sua star incontrastata, l’energica e dolcissima Whoopi Goldberg “sono qui soprattutto perché volevo vedere il mio show con protagonista una giovane cantante nera, che recita in italiano!!!”

Sister Act viene apprezzato a qualsiasi età, la Goldberg ci spiega perché “che si creda o non creda poco importa. Quello che è centrale in Sister Act è la bellezza e la certezza di queste donne verso il loro Amore, la loro convinzione di poter cambiare il mondo. Molte suore sono venute a vedere il musical – sembravano simpatici branchi di pinguini – e molti religiosi, anche non cattolici, che poi hanno preso spunto dal nostro lavoro per creare qualcosa di secolare.”

We will follow Him,
_ Follow Him wherever He may go,
_ There isn’t an ocean too deep,
_ A mountain so high it can keep,
_ Keep us away, away from His love…

Con deliziosa sincerità ci racconta i suoi ricordi di Deloris Van Cartier “dopo aver girato il film, pensavo che qualche fulmine mi colpisse dal cielo!!! Il progetto mi era piaciuto sin da subito: penso che sia molto divertente far convivere suore e non suore. Io ho studiato dalle suore da piccola ed è stato bello ritornarci in quel modo. Dolores è più di un pesce fuor d’acqua in quell’ambiente: è una balena fuor d’acqua. È una persona che ha un forte impatto in quell’ambiente. Dolores è un po’ in tutti noi, mentre cerchiamo una nostra posizione, una nostra sicurezza o rifugio, mentre affrontiamo delle sfide per salvare noi stessi.”

There isn’t an ocean too deep,
_ A mountain so high it can keep,
_ Keep me away, away from His love

“Quasi tutti i film che ho fatto sono diventati poi dei musical, mi piace aver avuto questo impatto sulle scene!!!” – dice con quel suo sorriso che sa di calma, quasi timidezza, ma che scatena un’empatia molto forte.
Da parecchio tempo si è dedicata alla produzione televisiva con l’ambizione di poter cambiare qualcosa “le attrici vengono misurate secondo l’età dei cani! Dopo una certa età sembra che non sei più in grado di fare il tuo lavoro. Per cui ci vuole un tocco di intuizione per capire come stare ancora in gioco. Io ho vinto tantissimi premi. Essere nera non è stato così duro come avere più anni!”

Il Musical, il titolo della nuova stagione del Teatro Nazionale, andrà in scena dal 27 ottobre con 8 repliche a settimana. Ad interpretare Deloris Van Cartier, il ruolo che fu di Whoopi Goldberg, sarà Loretta Grace, una tra le più affermate voci black del panorama musicale italiano che si è recentemente esibita al fianco di James Blunt e Joe Coker. Accanto a Loretta gli artisti che interpreteranno i ruoli principali sono: Tia Architto (Deloris Van Cartier in alternanza), Dora Romano (Madre Superiora), Timothy Martin (Eddie), Felice Casciano (Curtis Shank), Simone Colombari (Monsignor O’Hara), Laura Galigani (Suor Maria Roberta), Simonetta Cartia (Suor Maria Lazzara), Giulia Marangoni (Suor Maria Patrizia), Massimiliano Pironti (TJ), Fabrizio Checcacci (Joey), Giacomo Buccheri (Deniro).