XXIII Mostra internazionale d’illustrazione per l’infanzia “Le immagini della fantasia”

In 35 mila a Sarmede. E il prossimo anno arriveranno le Fiabe d'Africa

Il maltempo si è accanito contro la mostra di Sarmede: entrambi i fine settimana in cui la piccola località ai piedi della foresta del Cansiglio si è trasformato nel “Paese delle Fiabe”, pioggia e freddo hanno tenuto lontano i visitatori. Il ponte dell’Immacolata è andato molto bene ma non ha permesso di recuperare il perduto.

Risultato: poco più di 35.000 visitatori (di cui 10.500 bambini accompagnati dagli insegnanti), tantissimi per un paese di 3000 anime ma meno di quanto si sarebbe potuto avere se Giove Pluvio non si fosse messo pesantemente di mezzo.

Il vuoto creato dal maltempo nei due fine settimana che, di norma, fanno convergere a Sarmede migliaia di famiglie da mezza Italia, è stato l’unico elemento negativo di una manifestazione che, anno dopo anno, macina risultati sempre più importanti: è cresciuto il numero delle scolaresche, con un forte aumento dei più piccoli; è aumentato il numero dei laboratori autunnali per adulti che vogliono imparare a raccontare, scrivere e dipingere le fiabe; “Intavolando”, la proposta che unisce fiabe e cucina, ha fatto il tutto esaurito. Insomma molti segnali concretamente positivi che facevano sperare sul nuovo record di presenze, record che non ha retto contro pioggia, vento e freddo.

Chi non ha potuto ammirare la mostra a Sarmede ha ora la possibilità di goderla altrove, in Italia e in alcuni Paesi europei. Le prime tappe del calendario della lunga itineranza della Mostra sono queste: 18 gennaio-12 febbraio Monza (Arengario); 18 febbraio-12 marzo Treviso (Ca’ da Noal); 18 marzo-5 aprile Verona (Sala Birolli, ex macello); 15 aprile- 18 giugno Siena (Palazzo Pubblico); 25 giugno-5 agosto Monaco di Baviera (Schoss Blütenberg); 12 agosto-15 settembre Bratislava (Museo Bibiana); 22 settembre-1 novembre Vicenza (Basilica palladiana, Salone dei Zavatteri); 15 novembre-17 dicembre Firenze (Istituto degli Innocenti). Altre se ne aggiungeranno via via, dato che, com’è ormai consuetudine, la mostra di Sarmede “vive”, dopo Sarmede, per anni, girando il mondo.

Sarmede non propone “solo” la mostra. D’estate le case tra vigne e castagni si popolano di decine di giovani aspiranti illustratori e dei loro maestri. I docenti di questi corsi sono i grandi illustratori internazionali le cui opere compaiono nella mostra autunnale. Si tratta di una università a cielo aperto che ha già formato illustratori che pubblicano in Italia e nel mondo, ma anche signore e signori che si dilettano a inventare e illustrare storie per i loro nipoti.

I corsi estivi che si svolgeranno nel 2006 sono i seguenti:

“Tecnica mista. Corso di base” affidato a Svjetlan Junakovic (26 giugno – 1 luglio);

Jindra Capek: “Tecnica mista (acquerello, tempera, acrilico). Perfezionamento” (26 giugno – 1 luglio),

Svjetlan Junakovic:”Tecnica mista. Corso di perfezionamento”, (3 – 8 luglio);

A. Cimatoribus “Tecnica mista. Corso di base” (3 – 8 luglio);

Svjetlan Junakovic “Tecnica mista. Corso di base” (10 – 15 luglio);

Linda Wolfsgruber “Corso d’illustrazione “L’alfabeto” per allievi che abbiano già frequentato altri corsi con qualsiasi tecnica” (10 – 15 luglio);

Józef Wilkon “Tecnica mista. Corso di perfezionamento” (17 – 22 luglio);

Linda Wolfsgruber “Tecniche: acrilico, tempera, collage, monotipia. Corso di perfezionamento” (17 – 22 luglio);

Maurizio Olivotto “Tecnica incisione” (partecipanti max 15, 24 – 29 luglio);

Linda Wolfsgruber: Tecniche: acrilico, tempera, collage, monotipia. Corso intermedio” (24 – 29 luglio);

Linda Wolfsgruber “Corso di copia dal vero: dal disegno all’illustrazione. Corso di base” (31 luglio – 5 agosto);

Octavia Monaco: “Tecnica mista. Corso di perfezionamento” (31 luglio – 5 agosto).

In tanto fervore di iniziative, il direttore della mostra, Leo Pizzol, sta pensando alla edizione 2006 della Mostra internazionale d’illustrazione per l’infanzia di Sarmede.
L’ospite d’onore dell’edizione n. 24 della Mostra (dal 21 ottobre al 17 dicembre) sarà il grande pittore, illustratore, scenografo Dusan Kallay.

Affascinante il tema con il quale saranno chiamati a confrontarsi gli illustratori: “Le fiabe dell’Africa Nera”, un modo affascinante, antichissimo e a noi quasi del tutto ignoto.

Info: Sergio Campagnolo – Studio Esseci
via San Mattia 16 – 35121 Padova
Tel. 049.663499; Email: info@studioesseci.net
[www.studioesseci.net->hhtp:// www.studioesseci.net]