Sino al 31 luglio presso le Terme Tamerici di Montecatini, è possibile visitare la mostra Pasolini, un cinema di poesia, omaggio della Fedic – Federazione Italiana dei Cineclub al grande poeta del Novecento inaugurato nell’ambito della 72^ edizione di Italia Film Fedic. Il vice sindaco assessore alla cultura del Comune di Montecatini Alessandro Sartoni ha rimarcato l’importanza di un evento come la mostra dedicata a Pier Paolo Pasolini per la città di Montecatini, dove il poeta è stato ospite nel dicembre 1973 nell’ambito del progetto dal titolo Processo allo scrittore.

Si trattava di un’iniziativa incentrata sul dibattito aperto tra scrittore e pubblico, al centro del quale si poneva l’opera artistica nel suo complesso e nel corso del quale l’autore era accompagnato dalla presenza di critici letterari che si esprimevano pro o contro la sua poetica e produzione. Attraverso manifesti, locandine, fotobuste e altro materiale, provenienti dalla collezione privata del giornalista Giuseppe Mallozzi, presidente del Cineclub Fedic “Il Sogno di Ulisse” di Minturno (LT) la mostra consente di ripercorrere le diverse fasi dell’attività del Pasolini cineasta. Il suo febbrile impegno lo porta a collaborare, tra gli altri, con Mario Soldati, Mauro Bolognini, Franco Rossi, e addirittura Federico Fellini, per cui si occupa della revisione del parlato romanesco di Le notti di Cabiria e successivamente scrive una scena, poi non utilizzata, per La Dolce Vita. «La mostra vuole quindi porre l’attenzione proprio su questa ricerca di un nuovo linguaggio da parte di Pasolini, che ci ha regalato capolavori ormai divenuti immortali» – spiega il curatore della mostra Giuseppe Mallozzi. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20.