Anche il mondo del teatro partecipa alle celebrazioni per il 1600° anniversario della fondazione di Venezia. Lunedì 9 agosto alle ore 21,15 debutta in piazza SS. Trinità di Treporti sul litorale veneziano Venezia Millenaria, 1600 anni in 1600 secondi, la nuova produzione sul tema della compagnia PantaKin da Venezia. Lo spettacolo sarà replicato martedì 10 alle ore 21 alla Filanda Romanin-Jacur di Salzano. La storia di Venezia viene riproposta in occasione di una importante ricorrenza nel segno della lezione della Commedia dell’Arte, un genere praticato e promosso anche all’estero dalla compagnia veneziana che lo scorso anno ha festeggiato il quarto di secolo di attività. Le maschere di commedia del maestro Stefano Perocco di Meduna e i veloci cambi di ruolo sono le tipiche tecniche della Commedia utilizzate dalla compagnia per mettere in scena un immaginario “Bignami della storia della città lagunare”, un manuale che ci farà correre attraverso i secoli grazie alla potenza della prima macchina del tempo della storia, il teatro. Le parole usate sono la lingua veneziana, suoni e immagini fatti di lettere che raccontano la storia della città lagunare, una lunga cavalcata nel tempo cui il gruppo di interpreti, formato da Matteo Campagnol, Meredith Farulla, Rossana Mantese, Emanuele Pasqualini, Irene Silvestri, racconta la storia di Venezia partendo dalle lettere dell’alfabeti.  La consulenza storiografica è di Alberto Toso Fei, la drammaturgia di Carlotta Pansa. I costumi sono di Licia Lucchese, la regia è di Michele Modesto Carsarin.

A Treporti (info: cinema@comunecavallinotreporti.it) l’ingresso è gratuito nel rispetto del  protocollo anti-contagio COVID 19 con obbligo di possesso di CERTIFICAZIONE VERDE COVID 19 (GREEN PASS). Lo stesso vale per Salzano, dove invece il biglietto costa € 5,00, ingresso gratuito under 12. In caso di maltempo a Salzano lo spettacolo verrà replicato il giorno seguente. Lo spettacolo sarà in tournée nel mese ottobre in Albania grazie alla collaborazione del locale Istituto Italiano di Cultura.