Alla ricerca di A è una lettera d’amore a tutte le storie d’amore, fugaci, decennali, terminate, eterne.

Matteo e Francesca si incontrano in stazione, lui la nota subito perché è impossibile non ammirarne la bellezza.
Ancora più assurdo per Matteo è quando lei, “creatura ultraterrena”, lo riconosce.
“All’improvviso l’illuminazione” esplode nella testa del poco più che ventenne.

La bellezza che ha di fronte altri non è che l’ex bambina – “l’odiosa vicina di mio cugino” – all’epoca rompiscatole come una zanzara.
Maldestro e impacciato con i suoi mille viaggi e iperboli mentali, e “l’abitudine di vivere sempre un po’ a metà tra film e realtà”, Matteo inizia a frequentare Francesca, soprattutto grazie all’intrapredenza squisitamente femminile di lei.

Debutto nel meraviglioso mondo della Letteratura per Vinicio Mascarello, classe ’76, consulente creativo per aziende, autore della rubrica Moda e Tendenza per L’Arena e  di Vi il suo blog.
Scritto durante il primo lockdown, Alla ricerca di A è una piacevole e allegra lettura, scorrevole, garbata.
Il romanzo racconta con ironia – è narrato in prima persona – una storia d’amore universale, come nasce, come fluttua tra due persone, come evolve, cosa lascia, cosa resta di sè stessi in rapporto con l’altra persona.

Vinicio Mascarello, Alla ricerca di A, Berica Editrice, 2020, pp161, € 14