Domenica 11 novembre inizia, con un doppio appuntamento, la rassegna del Teatro di Mirano dedicata ai più piccoli: “Girotondo del bosco. Racconti di piuma, di pelo e di foglia”, firmato da Carlo Presotto e la mostra delle illustrazioni del concorso /e.mò.ti.con/, ideato da La Piccionaia con l’associazione Illustri, da cui sono state tratte le grafiche 2018-2019 del pieghevole e della locandina della rassegna, firmate da Flaminia Della Vecchia.
Lo spettacolo teatrale si ispira a quattro episodi letterari, molto diversi tra loro, ma accomunati dal racconto della natura: il romanzo di Dino Buzzati “Il segreto del bosco vecchio” del 1935, le favole di Mauro Corona pubblicate nel 2010 in “Storie del bosco antico”, i racconti di Mario Rigoni Stern “Uomini, boschi e api” del 1980, e il poema in versi in lingua persiana del mistico e poeta sufi Farid al-Din ‘Attar “Il linguaggio degli uccelli” del 1177. A questo connubio di opere, si uniscono il teatro fisico di Matteo Balbo, le scenografie del maestro Mauro Zocchetta, luci e suoni di Martina Ambrosini e la danza di Valentina Dal Mas, vincitrice del Premio Scenario Infanzia 2017, per condurre il pubblico alla scoperta del segreto del bosco e della lingua degli uccelli, nonché nostra lingua segreta e primordiale.
Una rappresentazione emozionante, consigliata a partire dai 5 anni di età, che conduce i piccini per mano attraverso le tante metamorfosi che fanno diventare “grande” ognuno di noi.
Nel foyer del Teatro sarà, invece, allestita /e.mò.ti.con/, la mostra di illustrazioni sul tema delle emozioni dei bambini, nata da un bando pubblico promosso da La Piccionaia in collaborazione con Illustri.
“In un’epoca di bombardamento mediatico come quella in cui viviamo – spiega Sergio Meggiolan, curatore del progetto per La Piccionaia – riteniamo necessario fermarci a pensare al significato e al significante di ciò che vediamo. E di ciò che facciamo vedere ai nostri bambini. Come il teatro, l’arte dell’illustrazione ci apre una via per capire meglio la sostanza emotiva che emerge quando un bambino scopre qualcosa di nuovo, qualcosa che lo meraviglia e lo stupisce, oppure che lo spaventa o lo fa arrabbiare.”.
Un progetto a cui hanno risposto più di 90 autori da Italia, Francia, Regno Unito, Spagna, Portogallo, Polonia, Canada, Russia, Israele, Iran e Corea del Sud e che ha visto la vittoria di Alberta Torres, Weronica Wolska, Flaminia Della Vecchia e Scarabisso, con un premio di 250 euro ciascuno, e la visibilità mediante le campagne di comunicazione dei progetti teatrali dedicati all’infanzia e alle famiglie.
In mostra opere di: Michela Bertollo, Karolina Jonc Buczek, Claudia Carbonari García, Giulia Cornaggia, Flaminia Della Vecchia, Doron Flamm, Alessandra Forte, Alessandra Moscatelli, Matteo Perdon, Alice Piaggio, Scarabisso, Maryam Tahmasebi, Alberta Torres, Benedetta Claudia Vialli, Weronika Wolska, Chohye Youn.

La mostra sarà visitabile gratuitamente al Teatro di Mirano domenica 11 novembre dalle ore 14.30 alle ore 17.30, mentre domenica 18 novembre si sposterà nell’Oratorio di Villa dei Leoni di Mira, in occasione dell’apertura della rassegna “Famiglie Teatro 2018-2019”.

Per maggiori informazioni: ufficio teatro
tel. 0414355536 – info@miranoteatro.it
www.miranoteatro.it
Biglietti: sono disponibili in biglietteria al Teatro di Mirano (il giovedì e il venerdì dalle 17 alle 19) e on line su www.vivaticket.it, con diritto di prevendita.
Il costo del biglietto è di 6 euro intero e 4 euro ridotto (per il secondo figlio).
Il costo dell’abbonamento è di 25 euro l’adulto e 20 euro il ridotto under 14.