“Bolognini. Sceneggiature d’autore e autori sceneggiati”, convegno sul regista pistoiese omaggiato dal CINIT sulle proprie tessere

In occasione del centenario della nascita di Mauro Bolognini a Pistoia si sono aperti i lavori per le celebrazioni in onore del grande regista. Quest’anno la tessera CINIT ricorda due grandi registi di cui si celebra il centenario della nascita: Pier Paolo Pasolini e Mauro Bolognini.

Dopo l’insediamento del Comitato nazionale si è tenuto il convegno “Bolognini. Sceneggiature d’autore e autori sceneggiati”, che ha visto la presenza di numerosi studiosi di cinema.

Il presidente del Centro Studi Bolognini, Roberto Cadonici ha aperto i lavori, introducendo Jean A. Gili, che ha parlato del “Regista che ho conosciuto”; Monica Preti ha presentato la mostra “Mauro Bolognini. Un nouveau regard”, che si terrà nella città toscana dal mese di ottobre.

Il primo giorno i relatori hanno parlato nella splendida Sala Maggiore del Palazzo di Giano, proponendo approfondimenti diversi sull’opera del cineasta pistoiese.

Tra i relatori del primo giorno vi è stato l’intervento di Barbara Sturmar che ha tenuto una relazione dal titolo “Angiolina sul grande schermo. Svevo sceneggiato da Bolognini”. Angiolina è la protagonista di “Senilità”, splendido film di Bolognini uscito nel 1962 (giusto sessant’anni fa), tratto dal romanzo di Svevo, girato tutto a Trieste e che aveva come protagonista una straordinaria Claudia Cardinale. Un’opera sicuramente da recuperare che mette in evidenza, una volta di più, la grande capacità che aveva Bolognini di portare sul grande schermo interessanti opere letterarie.

Barbara Sturmar ha recentemente curato, insieme ad Alessandro Cuk, la pubblicazione “Italo Svevo tra cinema e letteratura”, a cui ha collaborato anche il CINIT. Il libro sarà presentato, con il coinvolgimento della sede italiana del Consiglio d’Europa il prossimo 8 settembre, durante la Mostra del Cinema, nello Spazio Regione Veneto all’Hotel Excelsior del Lido di Venezia.

La giornata si è conclusa con la proiezione del film “Fatti di gente perbene”, collegata alla mostra fotografica di Gianfranco Lelj, presso la Biblioteca di San Giorgio, dove il giorno successivo sono proseguiti i lavori.

Nell’auditorium si sono susseguiti gli interventi degli studiosi sino a sera, per proseguire per tutta la giornata successiva, momento di conclusione dell’interessante convegno, che ha aggiornato gli studi su Bolognini, inaugurando un anno ricco di eventi dedicati al talentuoso regista.

Tra i relatori anche il direttore di Cabiria Marco Vanelli che ha parlato su “Per le antiche scale nel diario di Tobino” che si riferisce al film che Bolognini ha realizzato nel 1975 tratto liberamente dal racconto “Dentro la cerchia delle mura” che faceva parte della raccolta “Per le antiche scale”. Un’opera che vedeva come protagonista Marcello Mastroianni e interpreti come Barbara Bouchet, Françoise Fabian e Lucia Bosè.