Non ci sono parole per descrivere la delusione dopo aver visto questo remake di una celebre serie televisiva trasmessa tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80.
Stiamo vivendo l’epoca dei reboot televisivi sul grande schermo. Operazione nostalgia per scaldare il cuore degli ex bambini/adolescenti degli anni ’70 e ’80. Si è optato, nella maggior parte delle trasposizioni, per la chiave ironica/sarcastica, ma avendo sempre rispetto per i personaggi, icone di stile o idoli o rappresentanti di un’epoca.
Un mese fa circa è uscito Baywatch, ispirato all’omonima serie televisiva, esasperato, ma poco coraggioso. Tocca ora a un duo poliziesco, i mitici motociclisti della polizia stradale di Los Angeles – CHP (California Highway Patrol) -: Jon Baker (Larry Wilcox) e Frank Poncherello (Erik Estrada), detto Ponch, che con le loro avventure hanno tenuto incollati alla televisione milioni di fan.
La stessa dinamica della serie televisiva è ora riproposta al cinema da Michael Peña (Ponch) e da Dax Shepard (Baker), che è anche sceneggiatore e regista del film.

Quello che ne viene fuori è un film inspiegabilmente sguaiato, maschilista e volgare. CHiPs si rivela essere una trasposizione inadeguata rispetto al tono drammatico, anche se buonista e facilone, della serie tv. Ambientato ai giorni nostri con una venatura omofoba e situazioni puerili dove il sesso, i discorsi sul sesso, le battute sul sesso, i doppi sensi sul sesso spadroneggiano, CHiPs è un progetto fallimentare. Manca la chimica tra gli attori e anche il villain di turno (Vincent D’Onofrio) non riesce a emergere adeguatamente.

Titolo originale: CHiPs
Nazione: U.S.A.
Anno: 2016
Genere: Azione
Durata:
Regia: Dax Shepard
Cast: Dax Shepard, Michael Peña, Jessica McNamee, Adam Brody, Ryan Hansen, Vincent D’Onofrio, Rosa Salazar, Kristen Bell, Maya Rudolph, Justin Chatwin, Jane Kaczmarek, Mara Marini
Produzione: Primate Pictures, Warner Bros.
Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia
Data di uscita: 20 Luglio 2017 (cinema)