Il regista Felice Farina e il fisico Luca Foggetta (dell’INFN di Frascati) proporranno un tour “atomico” dal 20 al 24 maggio in varie sale della Comunità delle Marche, dove incontreranno il pubblico prima e alla fine della proiezione di Conversazioni atomiche, una commedia on the road sul tema della fisica in Italia.

Applaudito nelle scorse settimane alla presenza di platee di specialisti in importanti festival di settore (come il Festival della Scienza di Genova e il Trieste Science + Fiction Festival), Conversazione atomiche esplora le nuove frontiere della fisica attraverso la voce di importanti ricercatori e ricercatrici e rappresenta quindi una pellicola scientifica dichiaratamente divulgativa per accompagnare gli spettatori dentro i laboratori di ricerca più all’avanguardia.

Il regista Felice Farina lo considera una dichiarazione d’amore accorata e leggera alla scienza italiana, proposta in una forma inusuale che fonde la commedia con il documentario, definendo sfida donchisciottesca la missione di «rendere comprensibili e affascinanti argomenti come la gravità einsteiniana e la meccanica quantistica anche a chi è convinto di non capirne un accidente o, peggio, di non averne alcun bisogno».

Il viaggio sul grande schermo porterà Felice Farina e il suo riluttante scudiero/operatore di ripresa all’acceleratore di particelle di Frascati, all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, al Laboratorio Nazionale del Gran Sasso, all’interferometro Virgo, all’Osservatorio astronomico di Campo Imperatore, dove si addentreranno nei laboratori di ricerca per fare domande a chi ha scelto di dedicare la propria vita a fare domande. Il tutto intrecciando alla ricerca situazioni da buddy movie, dialoghi appassionati, divagazione storica e sconfinamenti che aprono al mistero del non ancora conosciuto. Un contrappunto inedito di filmati scientifici dell’archivio Luce contribuisce infine a muovere il pensiero degli spettatori su quella sfida, tipicamente umana, di andare oltre le colonne d’Ercole “per seguir virtute e canoscenza”.

Il tour si articolerà nelle seguenti date:

  • Lunedì 20 maggio, a Porto Potenza Picena (Cinema Divina Provvidenza, ore 21.15)
  • Martedì 21 maggio, a Senigallia (Cinema Gabbiano, ore 21:15)
  • Sempre martedì 21 maggio, a Urbania (Cinema Lux, ore 21:15)
  • Mercoledì 22 maggio, a Pesaro (Cinema Solaris, ore 21)
  • Giovedì 23 maggio, a Fano (Cinema Politeama, ore 21:15 – la serata sarà qui preceduta dalle ore 20:30 da una degustazione di vini)
  • Venerdì 24 maggio, a Montegiorgio (Cinema Manzoni, ore 21:30)

Felice Farina sarà, come detto, sempre presente assieme al fisico Luca Foggetta per dibattere con il pubblico sul senso e le tematiche della sua opera. Nel solo caso di Urbania, data la contemporaneità con Senigallia, i due – non avendo ancora, nonostante la loro esplorazione scientifica, il dono dell’ubiquità – si serviranno dei progressi della tecnologia collegandosi in diretta sul grande schermo di Urbania via Skype proprio con il Gabbiano di Senigallia.

Nel corso del loro tour i due terranno anche una serie di incontri con gli studenti di varie scuole nelle rispettive città.

(Comunicato stampa ricevuto da Acec Marche)

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa 58. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia
Prossimo articoloBruno Catalano, l’uomo con la valigia
Avatar
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.