La rassegna “Io Sono Teatro… tra la gente”, realizzata in collaborazione con Arteven, da venerdì 3 a domenica 5 luglio si sposta a Venezia nella cornice del parco del Teatrino Groggia a Sant’AlviseTre gli spettacoli in programma con la collaborazione di mpg.cultura, che ha dato il via a un cartellone pensato per tutte le età:

  • Venerdì 3 luglio alle 21 va in scena l’evento speciale “Ancora Groggia. Riapprodare a teatro” di Mattia Berto, una performance creata ad hoc dal regista veneziano per ritrovare la comunità di piccoli e grandi che abitano lo spazio di Sant’Alvise.
  • Sabato 4 luglio è la volta di “Shock a stelle e strisce” di exvUoto Teatro: lo spettacolo riporta il poema di Allen Ginsberg, Howl (1956), alla sua originaria natura di reading con musica. In scena viene eseguita la lettura integrale in traduzione italiana del poema di Ginsberg con un breve inserto finale appartenente, invece, a Kaddish (1961), riguardante la figura materna del poeta statunitense. La voce di Andrea Dellai duetta in una vera e propria improvvisazione jazzistica con il pianoforte di Ian Lawrence Mistrorigo. Nel flusso di parole e musica si mescolano in live le immagini proiettate e autogenerate dal software creato appositamente dal multimedial artist Andrea Santini. Il reading è preceduto da una breve e immersiva lezione-spettacolo affinché il pubblico possa assaporare al meglio i versi di Allen Ginsberg. In Howl una generazione urla, urla la propria presenza, urla la propria protesta, urla la propria identità, urla il proprio dolore, urla la propria speranza. Howl ha rivelato al mondo la voce di Allen Ginsberg.
  • Domenica 5 luglio, l’ultimo spettacolo, “La stamberga delle scarpe” di Febo Teatro: tre strampalati narratori raccontano la storia di questa Madame, che decide di rimettersi in gioco per realizzare un paio di scarpe adatto al matrimonio della principessa. Assieme a lei c’è Rocchetto, un bizzarro aiutante talmente appassionato di scarpe che ne riesce a parlar la loro lingua, e loro rispondono. Ma il passato a volte torna, e le paure di Le Tac sembrano riaffiorare quando la principessa piomba nel negozio e si innamora di un vecchio paio di scarpe fatte di pelle di drago. Tra colpi di scena e canzoni cantate dal vivo, i comici si diletteranno in questo racconto di redenzione e fantasia. Uno spettacolo adatto a grandi e piccini, che può entrare nei teatri come anche nelle piazze, in cui la tecnica dell’attore si ispira ai ritmi e alla musicalità della commedia dell’arte.

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti e, in conformità con le disposizioni dell’ultimo DPCM del 11 giugno 2020, l’accesso allo spettacolo avverrà dalle 20.30 con le seguenti modalità: obbligo di entrare con la mascherina e previa misurazione della temperatura corporea, sarà possibile ritirare il biglietto il giorno stesso dello spettacolo, all’ingresso del Parco del Teatrino Groggia, dalle ore 19 alle ore 20. In caso di pioggia lo spettacolo sarà rinviato al giorno seguente.

Ulteriori informazioni: www.culturavenezia.it

In copertina Mattia Berto, foto di Marc de Tollenaere.