Festival Internazionale di Musica di Portogruaro 2021

Credits Giorgio Gori

Il Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, organizzato dalla Fondazione Musicale Santa Cecilia, arriva nel 2021 alla sua 39a edizione e porta il titolo di Ouverture. La nuova direzione artistica è affidata al pianista Alessandro Taverna. Il focus centrale del programma concertistico è atteso tra il 26 agosto e il 9 settembre. Oltre a Portogruaro, che vedrà coinvolti il Teatro Luigi Russolo, il tessuto urbano e luoghi di interesse storico naturalistico, anche una decina di comuni limitrofi offriranno ulteriori scenari per il Festival valorizzando così le grandi potenzialità artistiche, architettoniche, storiche del loro ricchissimo territorio.

Il 2021 è ricchissimo di ricorrenze, a cominciare dal 1600° anniversario di fondazione della città di Venezia, cui si è voluto dedicare il concerto del 29 agosto. Seguono i 75 anni della Repubblica Italiana, il centenario del Milite Ignoto, l’anniversario dei 200 anni dalla morte di Napoleone, fino alle tante celebrazioni più strettamente musicali, dedicate a Camille Saint-Saëns, Igor Stravinskij, Astor Piazzolla, ai 200 anni del viaggio di Mozart a Venezia.

Il Teatro Luigi Russolo ospita alcuni tra i principali concerti del Festival. Il concerto inaugurale di giovedì 26 agosto vede protagonisti Alessandro Taverna e Mariangela Vacatello impegnati in un repertorio per due pianoforti.

Venerdì 27 agosto sale sul palcoscenico il Trio di Parma, punta di diamante del camerismo italiano in tutto il mondo.

Domenica 29 agosto toccherà all’Orchestra della Toscana, diretta da Daniele Rustioni con la violinista Francesca Dego come solista. Le musiche in programma comprendono la Serenata per archi di Wolf-Ferrari, il Concerto n. 1 per violino di Mozart e il celebre Pulcinella di Stravinskij.

Martedì 31 agosto protagonista al Teatro Russolo è l’orchestra del Conservatorio Tartini di Trieste diretta da Marco Angius, impegnata in un concerto nato da una cooperazione tra Italia e Serbia che vede i giovani musicisti eseguire Galileo’s Journey, opera multimediale commissionata a Ivan Fedele dallo stesso Conservatorio Tartini.

Mercoledì 1° settembre, sempre al Russolo, il Quartetto Prometeo in un programma che passa dai Quartetti di Beethoven alle rivisitazioni contemporanee di pagine secentesche firmate da Sciarrino e Scodanibbio.

L’Orchestra Giovanile Italiana, con Pier Carlo Orizio alla direzione e il pianoforte di Alessandro Taverna, è protagonista del concerto di giovedì 2 settembre. Sarà un omaggio agli anniversari di Stravinskij (Dumbarton Oaks) e Saint-Saëns (Concerto per pianoforte n. 2) e chiude con l’Italiana di Mendelssohn.

Sabato 4 settembre la Banda dell’Arma dei Carabinieri, diretta da Massimo Martinelli, si sposta in piazza della Repubblica a Portogruaro. In programma un repertorio dedicato alle Ouvertures operistiche italiane.

Martedì 7 settembre il Teatro Luigi Russolo ospita un recital pianistico di Filippo Gamba, impegnato in un monumentale programma di Sonate beethoveniane e le op. 116 e 117 di Brahms.

La chiusura è riservata, giovedì 9 settembre, all’Orchestra di Padova e del Veneto, diretta da Marco Angius, con il violino di Anna Tifu. A Portogruaro suona il Concerto per violino di Mendelssohn per poi lasciar spazio all’orchestra che eseguirà l’Eroica di Beethoven.

Alessandro Taverna dedicherà alla sua città, Caorle, il recital pianistico atteso per lunedì 30 agosto alle 21, nel Duomo di Santo Stefano Protomartire. In programma alcune delle più belle pagine del catalogo di Fryderyk Chopin.

Luca Benvenuti