La XII edizione del Filmfestival del Garda

Dal 26 maggio al 2 giugno a Brescia e in otto comuni del Benaco occidentale

Dal 26 maggio al 2 giugno il miglior cinema italiano e internazionale è sul lago di Garda.

Io Sono, Noi Siamo, Reciprocamente: Società e senso di comunità costituiscono il tema centrale della XII edizione del Filmfestival del Garda in programma dal 26 maggio al 2 giugno a Brescia e in otto comuni del Benaco occidentale. Si conferma ancora una volta la natura e vocazione di festival itinerante: dopo l’apertura al Grand Hotel Gardone nell’omonimo comune, il viaggio del festival – che ha la propria base a San Felice del Benaco – proseguirà nel capoluogo e quindi nei siti più affascinanti e suggestivi della provincia, dove non sempre esistono sale cinematografiche: a Calvagese della Riviera, Polpenazze del Garda, Puegnago del Garda, Salò, Toscolano Maderno, Vestone e Vobarno.

La Sezione Concorso, vero cuore del programma, sarà ospitata in tre straordinarie location: la Fondazione Andrè Heller di Gardone Riviera, l’Auditorium “Mario Rigoni Stern” di Vestone e il Cinema Nuovo Eden di Brescia. Quest’anno ben cinque film europei si contenderanno il titolo, assegnato in base ai voti che il pubblico esprimerà al termine di ogni proiezione.

Ecco i film in competizione, il calendario e i luoghi di proiezione:

I Re del Lago di Luca Aresi, Lorenzo Masci, Nicola Quinzani, Arianna Zampatti, Italia 2019
(giovedì 30 maggio ore 20:30 – Fondazione Andrè Heller, Gardone Riviera – BS)

Be Kind – Un viaggio gentile all’interno della diversità di Sabrina Paravicini e Nino Monteleone, Italia 2018
(venerdì 31 maggio ore 19:00 – Cinema Nuovo Eden – BS)

Dafne di Federico Bondi, Italia 2019
(venerdì 31 maggio ore 21:15 – Cinema Nuovo Eden – BS)

La città che cura di Erika Rossi, Italia 2019
(sabato 1 giugno ore 18:00 – Auditorium “Mario Rigoni Stern”, Vestone – BS)

Të Thyer – Broken / Spezzati di Edmond Budina, Albania, Italia, Macedonia 2017 (sabato 1 giugno ore 20:00 – Auditorium “Mario Rigoni Stern”, Vestone – BS)

Da più di dieci anni il Filmfestival del Garda offre al suo pubblico la possibilità di incontrare, conoscere e apprezzare lo sguardo che il cinema posa sulla società, sul mondo al quale apparteniamo: immagini, volti e voci diverse hanno assemblato anno dopo anno un mosaico ricchissimo che si compone e ricompone a ogni edizione, aggiungendo di volta in volta la trama e l’ordito di un tessuto umano e sociale che valica confini e differenze, età e provenienze.

A questo tema fondativo del nostro agire culturale e sociale è dedicata la XII edizione, riassunta nel titolo Io sono, Noi siamo, Reciprocamente, dove l’avverbio segna la dimensione necessaria della partecipazione al vivere comunitario, all’appartenenza agita dei membri di una comunità: questa dimensione rinnova il suo approccio corale, polifonico e complesso, afferma il valore dell’uomo politico, aristotelico, desidera l’incontro e accetta la discussione, il confronto e la problematicità del quotidiano grazie al medium di una pellicola cinematografica.

La luna, topos ininterrotto nella storia del pensiero poetico in ogni sua forma, esplorata e calcata cinquant’anni fa per la prima volta, sembra indicarci la direzione, alta e luminosa benché lontana, in una notte che non è buia, ma illuminata dalla sua luce quotidiana e misteriosa, una notte non solitaria perché abitata da tutti quelli che, come noi, desiderano guardare oltre, insieme.

Confermati ancora una volta gli appuntamenti della Sezione Fuori Concorso con eventi che sottolineano la capacità del nostro cinema di trasformarsi e ripensarsi.

Qui potete scaricare il comunicato stampa del festival.

Cliccando qui potrete scaricare il programma completo del festival.