Musica ed enogastronomia al Retro Party 80-90 di Radio Arancia

Si è tenuto sabato sera il Retro Party dedicato agli anni ’80 e ’90 a cura di Radio Arancia Network, presso il grande salone in legno del Finis Africae Resort a Senigallia. Un appuntamento ormai consolidato e molto amato, quello di Radio Arancia al Finis, che richiama sempre un ampio numero di persone da tutta la regione e si declina ogni volta in maniere diverse, dando spazio tanto al divertimento e all’aspetto musicale quanto all’enogastronomia.

Sabato 24 febbraio protagonista della serata è stato il cuoco Marino Montalbini, conosciuto in tutta Italia grazie alla sua prelibata polenta, che nel 2015 ha vinto il primo premio presso la Disfida Internazionale della Polenta. Marino utilizza solo il Mais Ottofile, una speciale tipologia di granturco coltivata nell’area di Arcevia e Roccacontrada, tanto antica quanto pregiata. Lavorando il Mais Ottofile della sua Azienda Agricola Montalbini, ne ricava una polenta di eccezionale bontà, così come la crescia, ugualmente servita a cena ai commensali.

La serata è dunque iniziata con la cottura a vista della polenta al pajolo condita con sugo di carne, salsicce e costine; una leccornia seguita dalla crescia di mais accompagnata dai salumi e formaggi del territorio, dalle erbe di campo e da un ottimo Verdicchio dei Castelli di Jesi. Nel frattempo la musica live ha allietato il momento del pasto, mentre subito dopo cena le molte persone presenti si sono riversate davanti alla consolle per ballare i grandi successi degli anni Ottanta e Novanta. Il dj set è stato a cura di Paperino e Luigi Brecciaroli, entrambi nomi noti nel panorama musicale e radiofonico.

La serata è avvenuta grazie all’ormai consolidata collaborazione tra Radio Arancia e Finis Africae di Senigallia, pertanto si ripeterà presto in altre forme e con diversi protagonisti, sempre di qualità. Per restare aggiornati è possibile consultare le pagine social della radio o del resort.

Info: www.radioarancia.it; www.finisafricae.com.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Estranei (All of Us Strangers)” di Andrew Haigh
Prossimo articolo“La zona d’interesse” di Jonathan Glazer
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.